motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autoriservizio segnalazione novità2014 Promozioni
Alcune proposte
AMBARÀDAN
Altre voci, altri gesti, altre storie
Il ricavato della vendita di Ambaradàn sarà devoluto quale contributo all'associazione Rop per la renitopatia del pretermine.

AMBARADÀN.
Una delle battaglie più vergognose e sanguinose della guerra d'Africa del 1935 avvenne sull'altopiano dall'Amba Aradam. Scontro lungo e durissimo, nel quale le nostre truppe non si fecero scrupolo di usare gas tossici per sterminare i nemici. Fu una battaglia cruenta, confusa, con continui colpi di scena, incasinata più che mai.
Quella giornata orrenda entrò nel gergo popolare. Il luogo di svolgimento, l' Amba Aradam, divenne una parola unica, Ambaradam, sinonimo di confusione, casino, clamore.
Anche ad Asti la parole divenne d'uso comune ma fu cambiato il suo finale, facendolo più consono al nostro dialetto. E così Ambaradam divenne Ambaradàn, con la n finale.

IL RACCONTO DEI RACCONTI
Manimàn, Fulandràn ed ora Ambaradàn, il terzo libro di racconti autobiografici, utile per chiudere un cerchio, per dire cose che sono rimaste sospese, per ricordare ancora i posti, le facce, i gesti, le anime di tante persone che hanno attraversato la mia vita e con le quali per un poco ho percorso i miei giorni. Altre vie, altre piazze, altre vite, altri scenari ed attori di una storia bellissima: la storia di Asti, la mia città.
Ma il cerchio si chiude sempre nel segno e col proposito di aiutare e sostenere studi, ricerche e cure a favore del bene massimo della vista.
Manimàn, il primo libro, mi ha visto bambino crescere ed imparare a conoscere il mondo partendo dal mio mondo di allora, da quel cortile di casa Pavese in via Carducci dove sono nato. I ricordi del dopoguerra, degli anni Cinquanta, di un bambino che cresce fino alla fine delle scuole Medie, finalmente pronto ad uscire dalla sicurezza del cortile per andare a conoscere e vivere il mondo, a respirare la vita ed incominciare a vederla coi propri occhi.
Fulandràn, il secondo, è il libro della scoperta del mondo, dell'altra metà del cielo, della pallacanestro, delle aspirazioni, dei sogni, delle canzoni, del cinema, delle follie giovanili, delle fularià.
Ora è la volta di Ambaradàn, ancora scritto al presente perché tutto è così vivo, indelebile fin nei dettagli. Nei racconti tutto viene rimesso in gioco; si va dalla guerra appena finita agli anni Ottanta, dalle canzoni al cinema, da Asti ai posti dove il lavoro e la vita mi hanno catapultato.
Ma la grande protagonista resta Asti che, se è parsa fino a poco tempo fa immutabile nel monotono trascorrere dei suoi giorni, in realtà è cambiata tantissimo. E non sempre in meglio.
Asti oggi la percorro a piedi. Amo le vie del centro storico, entro a sbirciare in cortili che ancora sopravvivono, alzo gli occhi alle gallerie, ai fili tirati con i panni stesi. Mi rendo conto che sono pensieri un po' fuori dal mondo ma sono i miei e mi sono cari, confortato dalla sicurezza che sono condivisi, e non poco, da moltissimi miei concittadini.
Penso però che sia giunto il momento di allargare gli orizzonti. Dovrei, e lo farò, andare a conoscere più a fondo i quartieri nuovi e quelli che si sono espansi, a cercare quelle vie con nomi che a volte non conosco e che mi fanno sentire a disagio se qualcuno mi domanda di indicargli il tragitto per raggiungerne una. Un astigiano che non conosca tutte le vie della sua città, che non è una metropoli, dovrebbe un poco vergognarsi.
Con Ambaradàn torno alla ricerca di parole, gesti, prospettive, passi, voci, odori, suoni che, come fionde immaginarie della gioventù, mi lanciano, in un attimo in altri angoli, parole, gesti, prospettive, passi, voci, odori.
7
INDICE

Il racconto dei racconti
L'Alba di Viatosto
Il calesse sul tumbarell
La giungla di tre piani
Da 14 a 28
Quel punto blu al terzo piano
Shopping 51
Treni in corso Alfieri e orsi in piazza
La bomba rossa
Un film, un toast ed una caldarrosta Quindici anni di banchi
L'ultimo supplementare
Il trillo del Diavolo
Ha toccato, ha toccato!
Com'è triste Venezia
Il viaggio, la donna, un'altra vita
Tre storie cocchiane
Altri campi, altri cesti
Sotto il lampadario mai
La Locanda della musica
Rondinelle amare
La 24 ore nera
Chi sei? Da dove chiami?
Giornate all'Imbecillodromo
Stile, gola e libri
Limus
Dai Settanta agli Ottanta
Palio in pollici e caratteri
Ore piccole, grandi momenti
Tutto in trenta secondi
A Paris per Modì
A Teatro...in Fiera
Motore...Ciak...Azione!
Maledetta domenica
Ambaradan Altro




Livio Musso

AMBARADĀN

editore DIFFUSIONE IMMAGINE
edizione 2006
pagine 240
formato 16,5x23,5
brossura
tempo medio evasione ordine
ESAURITO

15.00 €
15 €

ISBN : 88-89277-10-6
EAN :

 
©1999-2017 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com