motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
ANNAMARIA LUDMANN
Dalla scuola svizzera alle Brigate Rosse
Prima che divampasse la "lotta armata", le persone che ne avrebbero realizzato gli intenti animavano un tessuto sociale comune a milioni di individui. Tra questi, Annamaria Ludmann, "irregolare" delle Brigate Rosse morta a Genova il 28 marzo 1980. I documenti ufficiali riferirono un conflitto a fuoco con i carabinieri, versione subito posta in forte dubbio da alcuni organi di stampa. Annamaria Ludmann, una cattolica per nulla incline alla violenza politica, disse chi ne condivise per qualche tempo la quotidianità. Eppure, nel suo appartamento sulle alture di Oregina transitarono i capi delle BR, rivelano i verbali di interrogatorio a Patrizio Peci.

A margine dello scritto, la descrizione di un "Collettivo politico" che si tenne nel novembre 1969 a Chiavari, all'interno di locali incredibilmente concessi per "errore" dalla Curia Vescovile cittadina, fece sapere il generale Dalla Chiesa. Tra i presenti, Renato Curcio e Margherita Cagol. Proprio Chiavari, la città dove tornò la stessa Annamaria Ludmann al termine di un "viaggio" senza ritorno.

Scrive don Andrea Gallo nella prefazione: "Questo libro, a mio parere indica al lettore una strada perché non si rimuova un pezzo doloroso di storia del nostro paese".

In appendice, copie fotostatiche del "Fascicolo via Fracchia", uscito dal Tribunale di Genova vent'anni dopo quei drammatici eventi.

INDICE

Prefazione
1. Introduzione
2. Annamaria Ludmann
3. Postfazione
Note
Intervista a Roberto Sinigaglia
Documentazione fotografica


Prefazione

Il lavoro dell'amico Lorenzo Podestà è onesto, imparziale, pacato.
Vuol conoscere e desidera, con un atteggiamento "disarmato" entrare in relazione con la misteriosa Annamaria di Chiavari.
Con i vari interlocutori, Lorenzo, si mette in condizione umile di chiedere e ascoltare per non invilupparsi nella immobilità delle proprie ragioni.
A mio avviso, emergono tra le righe interessanti interrogativi: "Chi è questa giovane incensurata?", "Come è stata arruolata nelle Brigate Rosse?".
Quale "ruolo" rivestiva nel vasto movimento della lotta armata? Qual è la vera versione dello "scontro" in via Fracchia?
Personalmente sono legato a quel tragico "evento".
Il 29 marzo del 1980 irrompe nel mio studio il giornalista, del Secolo XIX, Pedemonte visibilmente allarmato.
E' il giorno dopo la sparatoria.
A bruciapelo mi chiede: "Corrisponde al vero la tua stretta amicizia con Annamaria Ludmann?".
Sorpreso, risposi tranquillamente di non averla mai sentita nominare.
Aggiunsi con fermezza: "Ma da quale fonte avete certe notizie?".
Il giornalista, finalmente disteso e convinto concluse: "Dalle veline dei carabinieri".
Questo riferimento dà il segno della confusione dilagante.
Ed è in questo clima che Lorenzo non si accontenta di risposte uniche e assolute.
Esplora nella chiarezza e nell'oscurità.
Ci sono momenti di grazia e altri di dubbio.
Questo libro, a mio parere, indica al lettore una strada perchè non si rimuova un pezzo doloroso di storia del nostro paese.
Rimane fortissima la domanda cruciale: "Come mai una ragazza "normale", e tanti altri giovani sono entrati nella lotta armata?".
Dopo l'attenta lettura, mi sembra che Lorenzo non si accontenti della proclamazione definitiva della vittoria sul "terrorismo".
Aleggiano nuovamente il '68, gli anni '70 e '80, i cortei, le università occupate, scontri, uccisioni, leggi speciali, il caso Moro, i processi, i pentiti, i dissociati, gli irriducibili, i latitanti, i detenuti e infine i Servizi segreti più o meno deviati e, le sanguinose stragi (Piazza Fontana, treno Italicus, stazione di Bologna, Brescia,...).
Caro Lorenzo, hai regalato a un vecchio democratico, la tua profonda aspirazione alla verità, alla giustizia, alla democrazia per scegliere decisamente il sentiero della cultura della non violenza per una impostazione della vita, del nostro quotidiano.

Don Andrea Gallo
Comunità S. Benedetto al Porto (Genova)





Lorenzo Podest

ANNAMARIA LUDMANN

editore BRADIPOLIBRI
edizione 2006
pagine 112
formato 14x21
brossura
tempo medio evasione ordine
ESAURITO

10.00 €
5.00 €

ISBN : 88-88329-61-7
EAN : 9788888329611

 
©1999-2019 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com