motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autoriservizio segnalazione novità2014 Promozioni
Alcune proposte
ANTITESI BAROCCHE
In questo libro la letteratura e la retorica denunciano la morte dei valori e la fine delle istituzioni ecclesiastiche e politiche oppure, antiteticamente, le accreditano e le legittimano. Ma, sempre, la metamorfosi dei generi, la mutazione dei codici e dei linguaggi, letterari, filosofici, figurativi, musicali, e l'impiego sistematico e ossessivo della metafora simulano e modellano un'altra realtà, diversa o avversa, rispetto a quella del mondo contemporaneo.

PREMESSA
Le opere di Campanella, Tassoni, Pallavicino, Tesauro, Frugoni nascono al margine o al di fuori di codici, norme e valori comuni, in un'attitudine alla ricerca, e all'azzardo, applicata in direzioni differenti e perfino opposte, clamorosamente evidenziata, sul piano letterario, dell'inquieta sperimentazione di generi, strutture, tematiche, linguaggi e, sul tormentato piano biografico, dall'appartenenza, con l'eccezione del Tassoni, a ordini religiosi ( i domenicani, i canonici lateranensi, i gesuiti, i minimi di San Francesco da Paola) dalla formale accettazione di una regola quindi, e da un'insopprimibile vocazione alla disobbedienza o quanto meno all'indisciplina. Sono i casi, estremi, di Ferrante Pallavicino, accolto nell'Accademia, eterodossa e libertina, degli Incogniti, che abbandona il convento, dismette l'abito dei canonici lateranensi e termina la sua vita decapitato sulla piazza di Avignone e del filosofo Campanella, processato, torturato, condannato alla pubblica abiura, costretto a simulare la pazzia per salvare la vita, incarcerato per quasi trent'anni. E sono quelli, a differenti gradi di drammaticità, di Frugoni, appartenente alla potentissima Accademia degli Addormentati, teologo e consultore del Sant'Officio, proscritto da Genova per ragioni politiche e non solo per il "sinistro disciframento" di un'avventura narrata nel suo primo romanzo, in relazione, prima e durante l'esilio, con i personaggi e gli intellettuali più illustri, e di Tesauro, uscito dalla Compagnia di Gesù a causa di una polemica complicata da ragioni di natura cortigiana, storico del principe Tommaso nella guerra civile tra "madamisti" e "principisti", apologista delle glorie di Torino e della dinastia sabauda. E' quello infine, tutto laico e profano, di Tassoni, informatore politico dei Savoia, che da appassionato propagandista della strategia di Carlo Emanuele I ai tempi della guerra del Monferrato ne diviene poi, mutati gli orientamenti del duca, antagonista, riparando a Roma presso il cardinal Ludovisi. Opere, tutte, spiritualmente, eticamente, politicamente impegnate.
[..]
INDICE

Premessa

I versi del pensiero: la Scelta d'alcune poesie filosofiche di Tommaso Campanella

Deformazione e degradazione dell'eroico

La secchia rapita
Manifesto di Alessandro Tassoni intorno le relazioni passate tra esso e i principi di Savoia


La retorica dell'eversione: la satira di Ferrante Pallavicino

La divina retorica: Emanuele Tesauro

Idea della perfetta orazione sacra
La retorica del niente

Il chiasmo del potere: l'Accademia della Fama di Francesco Fulvio Frugoni

Indice dei nomi


 


Barbara Zandrino

ANTITESI BAROCCHE

editore DELL'ORSO
edizione 2003
pagine 230
formato 15x21
brossura con alette
tempo medio evasione ordine
2 giorni

16.00 €
16 €

ISBN : 88-7694-647-0
EAN :

 
©1999-2017 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com