motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autoriservizio segnalazione novità2014 Promozioni
Alcune proposte
YOUNG ASIAN FASHION DESIGNERS

EDIZIONE MULTILINGUA

ITALIANO
INGLESE
TEDESCO
FRANCESE
SPAGNOLO


Come un treno lanciato ad alta velocità, l'Asia si sta dirigendo verso nuove realtà sociali, politiche ed economiche con momenti barcollanti. Per stare al passo con il resto del mondo, i designer asiatici devono muoversi velocemente, portare dei pesanti fardelli con pause più brevi per ricaricare le loro batterie creative. In mezzo a questo caos di sviluppi ambiziosi, turbati da una costante battaglia culturale tra Oriente e Occidente, rimanere fedeli a se stessi non è una impresa facile. Questo libro presenta una nuova generazione di designer coraggiosi e lanciati che cercano di emergere dalla sfida.
Mentre le espressioni creative superano le fabbriche tessili e gli stabilimenti di abbigliamento come la crescita dell'energia e l'orgoglio delle nazioni, le città asiatiche competono duramente per diventare le più importanti capitali della moda in tutta la regione. Per aumentare la visibilità sulla stampa e gli acquirenti internazionali, ovunque le amministrazioni producono degli eventi di moda sempre più grandi e più sfavillanti; alcuni addirittura finanziano i designer per andare in Occidente con un ingresso sponsorizzato nelle sfilate di moda e nelle fiere all'estero. Se si aggiunge la vigorosa crescita dei media, in diretta o in differita, e un'ondata di icone della moda internazionale nella regione, i giovani designer in Asia non mancano di canali per l'espressione creativa. Ma fare uno spettacolo è una cosa; sostenere un'impresa di moda veramente innovativa è una prova completamente diversa.
La battaglia per la sopravvivenza è particolarmente pesante per i giovani designer di paesi più sviluppati come il Giappone, la Corea, l'Australia e la Nuova Zelanda. A dispetto della migliore istruzione, le battaglie contro i costi crescenti del lavoro e gli affitti dei negozi alle stelle sono inflessibili. In piccole città-stato come Hong Kong e Singapore, minuscoli mercati locali e una perpetua predominanza di ideali commerciali costituiscono delle minacce aggiuntive per i nuovi arrivati nel settore della moda.
Considerato per molto tempo un leader mondiale nella moda progressista, il Giappone ha in fondo altri problemi. Per anni i giovani designer giapponesi sono stati combattuti tra l'impenetrabile intensità dell'avanguardia - stabilita da rivoluzionari della moda anni '80 come Yohji Yamamoto e Rei Kawakubo - e il codice di consumismo sempre più volubile e gli estetici capricciosi da strada. Una generazione più avanti, i giovani creatori si liberano finalmente di tutte le tendenze e i dogmi, ritrovando nuovi significati nella loro ricca diversità di cultura, dall'accademico al semplice, dall'oriente all'occidente, dal manga al kimono.
In altre economie meno sviluppate, come la Cina, l'india e la Tailandia, l'enorme pressione per cambiare all'estero la mega-autostrada dell'industrializzazione, la rivoluzione del consumatore e la rapida urbanizzazione hanno spronato una sbandata quantità di imitazioni della moda. Ma questa stessa forza ha anche sbalzato certi visionari affamati ad andare completamente contro il sistema. Il risultato è una nuova classe di creazioni pure, audaci e altamente progressive che non cercano né di rompere né di colmare il divario tra Oriente e Occidente.
Mentre la globalizzazione si intensifica, la linea che definisce cos'è e cosa non è moda asiatica viene progressivamente offuscata. Mentre alcuni fenomeni - come la preferenza per un diploma di moda in Occidente e una marcata inclinazione verso modelli caucasici - danno ancora una pressione latente sugli ordini e gli estetismi occidentali, i riferimenti tradizionali ancora non sono completamente scomparsi; si rivelano semplicemente in un contesto che è molto più inconscio, illusorio e meno apertamente fuso. Ma ovunque siano radicate le cognizioni, e in qualunque modo diano forma ai prodotti, lo scopo finale per le nuove generazioni è quello di creare nuove idee che alla fine romperanno tutte le barriere culturali e geografiche.
Una volta le venne chiesto se si considerasse una designer internazionale o una designer giapponese, e Rei Kawakubo ha risposto "Solo una designer. Il luogo di nascita è un incidente." Infondo, sono i vestiti che contano.
INDEX

Introduction
Alexandra Owen | Welington
alldressedup | Singapore
Anand Kabra | Hyderabad, India
Andy & Debb | Seoul
Ashish n Soni | New Delhi
atelier | Hong Kong
Baldwin Pui | Hong Kong
Chai | Bangkok
CHEESE-monger | Tokyo
Chronicles of Never | Sydney
Cybèle | Auckland
Disaya | Bangkok
DRESSCAMP | Tokyo
Ek Thongprasert | Bangkok
Everlasting Sprout | Tokyo
G.V.G.V. | Tokyo
Gail Sorronda | Brisbane
Ginger & Smart | Sidney
Habenormal | Seoul
harryhalim | Singapore
Heyan | Shanghai
Irsan | Bali
Issue | Bangkok
Jaeha | Auckland
Joseph Li | Hong Kong
KINO | Tokyo
LIFEwithBIRD | Melbourne
Ma Ke | Guanghzou
Manique | Hong Kong
Matohu | Tokyo
Mich Dulce | Manila
mintdesigns | Tokyo
Mjòlk | Melbourne
Munchu's | Bangkok
Né-net | Tokyo
Posse | Singapore
Qiu Hao | Shanghai
Realistic Situation | Bangkok
Sabyasachi | Kolkata
shhhh... | Hong Kong
SOMARTA | Tokyo
Sretsis | Bangkok
suhseunghee | Seoul
Sunshine | Bangkok
Suzuki Takayuki | Tokyo
Sweet Revenge | Seoul
taishi nobukuni | Tokyo
The Alchemists | Bangkok
Toni Maticevski | Melbourne
Wang Yiyang | Shanghai
WOODS & WOODS | Singapore

Index
Imprint
 




aa.vv.

YOUNG ASIAN FASHION DESIGNERS

editore DAAB
edizione 2008
pagine 384
formato 18x23
hardcover
tempo medio evasione ordine
ESAURITO

25.00 €
25 €

ISBN : 978-3-86654-011-8
EAN : 9783866540118

 
©1999-2017 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com