motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autoriservizio segnalazione novità2014 Promozioni
Alcune proposte
BAROCCO E ROCOCO'
Architettura Pittura Scultura
INTRODUZIONE

Nessuno ha mai colto così in pieno lo spirito del barocco, quanto il poeta spagnolo Calderòn de la Barca. Nella sua rappresentazione teatrale allegorica El Gran Theatro del Mundo, rappresentato per la prima volta nel 1645, egli ha trasferito nel suo tempo l'antico topos della "vita come messa in scena". Davanti a Dio Padre e alla sua corte celeste, gli uomini sono come attori che recitano una parte che è la loro stessa vita sul palcoscenico del mondo.
La metafora del "teatro del mondo" attraversa tutta l'atà barocca, ovvero l'epoca compresa tra la fine del XVI e il tardo XVIII secolo, un'età contrassegnata da forti contrasti davanti e dietro il sipario. Gli antagonismi essere e apparire, fasto e ascesi, potere e impotenza sono le costanti del tempo. In un mondo scosso da conflitti sociali, guerre e lotte di religione, una così imponente messinscena conferiva una certa sicurezza; la rappresentazione di sè del signore barocco, sia egli papa o re, fungeva anche da programma politico. Il cerimoniale, la direzione artistica di questo "teatro del mondo", rispecchiava un presunto ordine divino superiore.
Le arti, figurative e plastiche, avevano un duplice ruolo: impressionare, addirittura "abbagliare" i sudditi e contemporaneamente diffondere contenuti ideologici. Esse costituivano le scene del teatro e creavano l'illusione di un mondo perfetto. Nulla può illustrare ciò, più efficacemente delle pitture prospettiche sulle volte delle chiese e dei palazzi, nei quali, allo spazio reale si sovrappone quello virtuale, consentendo uno sguardo alle sfere celesti (illustrazioni pp. 6 e 12).
Tuttavia non sempre rea possibile allontanare le avversità del quotidiano, ecco perchè l'arte barocca presenta sovente forme sconcertanti e contrapposte: vengono rappresentate una esasperata sontuosità materiale e una fede profonda, una disinibita voluttà e la coscenza di una morte ineluttabile. Nell'età barocca, il motto momento mori ovvero "ricorda che devi morire" assurge a leitmotiv di una società immersa nelle sue opprimenti paure esistenziali (vedi pp. 202-203). Non è un caso che nelle rappresentazioni delle rigogliose nature morte del tempo si celi spesso un rimando alla caducità, magari sotto forma di un verme, un acino guasto o un pezzo di pane morso.
L'arte barocca si rivolge sempre, in primo luogo, ai sensi dell'osservatore; con il suo pathos teatrale, il suo illusionismo e la dinamica delle sue forme vuole impressionare, persuadere e stimolare, un moto interiore. Questo chiarisce perchè essa sia spesso percepita come forma d'esaltazione, di puro effetto esteriore, perfino "ampollosa".
Già lo scrittore italiano Francesco Milizia, verso la fine del XVIII secolo, percepiva nell'architettura barocca, come nell'opera del Borromini, il "superlativo del bizzarro, l'eccesso del ridicolo".
[..]
SOMMARIO

Rolf Toman
Introduzione

L'architettura del barocco

I luoghi dei più importanti monumenti barocchi
La pianificazione urbanistica


Italia

Roma

Carlo Maderno
Gian Lorenzo Bernini
Francesco Borromini
Pietro da Cortona
Carlo Rainardi
Carlo Fontana
La città come palcoscenico
Roma nel XVIII secolo

Napoli e l'Italia meridionale
Luigi Vanvitelli

Torino e il Piemonte
Guarino Guarini
Filippo Juvarra

Venezia e il Veneto
Baldassarre Longhena
Giorgio Massari
Le ville barocche in Italia

Spagna
La trasformazione di Madrid in residenza di corte
L'architettura nelle regioni spagnole
L'architettura alla corte dei Borboni
Le certose di El Paular e di Granada

Portogallo
La teoria dell'architettura

Francia
Louis Le Vau
Vaux-le-Vicomte
Gli edifici sacri a Parigi
Il Louvre e la chiesa des Invalides
Versailles
Le scenografie di Re Sole
Reggenza e rococò
L'arte dei giardini

Inghilterra
Inigo Jones
Sir Christopher Wren
Vanbrugh e Hawksmoor
Il neopalladianesimo
Le Fiandre e l'Olanda

L'impero tedesco
Gli albori
J.B. Fischer von Erlach e J.L. von Hildebrandt
Il Belvedere
Il castello di Schonbrunn
Le abbazie barocche in Austria
Barocco e rococò in Svezia
Svizzera
Barocco e rococò in Baviera
Balthasar Neumann
Il castello di Weibenstein presso Pommersfelden
La famiglia di architetti Dientzenhofer
Dresda e dintorni
Berlin e Potsdam
Il rococò
Johann Conrad Schlaun e l'architettura barocca nella Westfalia
L'architettura barocca nei paesi scandinavi

La scultura del barocco

Italia
Gian Lorenzo Bernini
Prima e dopo Bernini

Spagna

Francia

Le sculture nel parco di Versailles
Il XVIII secolo

Paesi Bassi
La scultura in Inghilterra

L'impero tedesco
La prima metà del XVII secolo
La seconda metà del XVII secolo
Il XVIII secolo
Vanitas - Momento mori

La pittura del barocco

Italia

La pittura rococò

Spagna
Diego de Silva y Velàzquez
Da Zurbaràn a Murillo

Francia
Nicolas Poussin
Claude Lorrain
Da De La Tour a Le Brun
La pittura rococò

Le Fiandre
Pieter PaulRubens
Jordaens e Van Dyck

Olanda
Frans Hals
Rembrandt Harmenszoon van Rijn
Il paesaggio olandese
La pittura in genere in Olanda
La natura morta

La pittura barocca in Germania

La pittura rococò in Inghilterra

Appendice

Glossario
Bibliografia
Indice dei nomi
Indice dei luoghi
Crediti fotografici




a cura di Rolf Toman

BAROCCO E ROCOCO'

editore GRIBAUDO
edizione 2003
pagine 256
formato 19,5x24,5
cartonato
tempo medio evasione ordine
ESAURITO

24.00 €
24 €

ISBN : 88-8058-501-0
EAN : 9788880585015

 
©1999-2017 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com