motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autoriservizio segnalazione novità2014 Promozioni
Alcune proposte
BIBLIOFILIA SUBALPINA
Quaderno 2008
Incunaboli torinesi della Biblioteca Reale:
evidenze filigranologiche

TIMOTY LEONARDI

Non vi è dubbio nel considerare la fornitura cartaria alla base di qualsiasi progetto editoriale. Per questo motivo indagare l'impronta degli elementi costitutivi della forma dovrebbe rappresentare, alla stregua di altri campi d'indagine sul libro antico, una fonte insostituibile di informazioni. Nella realtà, tuttavia, lo studio della carta spesso viene trascurato completamente.
La traccia dei filoni, delle vergelle e della filigrana, inscritti nel foglio e visibili per mezzo del Watermark Reader, aprono un accesso non filtrato dal tempo ed epurato dalle incertezze che caratterizzano altri ambiti dello studio riguardante l'«ars artificialiter scribendi». Come afferma Ezio Ornato, parlando della forma, «la trama visibile sul foglio ne riproduce la struttura metallica [...]: presenza del tagliafilo, quantità e posizione dei filoni, distanza tra l'uno e l'altro di essi, posizione della filigrana, distanza della filigrana dai due filoni adiacenti, presenza di un filone supplementare che attraversa la filigrana, diametro apparente delle vergelle; tutti questi sono parametri che possono essere misurati su ciascun foglio, in modo da poterli in seguito utilizzare nell'ambito di procedure comparative»'.
La presente ricerca vuol essere il primo passo per una comprensione approfondita delle caratteristiche della carta negli incunaboli piemontesi, che spesso sono «senza dati tipografici, risultano in più casi sopravvissuti in una sola copia, talvolta conservata all'estero, oppure esclusivamente noti attraverso la tradizione bibliografica, essendo andato perduto l'unico esemplare. Inoltre, rispetto ad altre regioni italiane, le edizioni piemontesi sono di numero ridotto e le loro caratteristiche non presentano particolarità significative.
Per motivi metodologici si è deciso di analizzare solamente le edizioni edite a Torino o nel territorio limitrofo conservate presso la Biblioteca Reale di Torino.
Il lavoro sí è basato sull'analisi archeologica svolta su 33 edizioni stampate da Jean Fabre, Jacques Le Rouge, Jacobino de Suigo, Nicola de Benedictis e Francesco Silva 3.
L'analisi bibliologica si è basata sull'esame scrupoloso di ogni singola pagina, documentandone le caratteristiche dei filoni, delle vergelle, le diverse tipologie di filigrane rinvenute e le altre tracce lasciate dalla forma nel processo di realizzazione del foglio di carta.
Gli incunaboli sono stati ordinati per tipografi e cronologicamente. La descrizione dell'edizione, ripresa dall'articolo di De Pasquale', include i dati dell'autore, il titolo dell'opera, l'indicazione di luogo e data di stampa (tra parentesi quadre nel caso di datazioni dubbie) e il formato. Gli altri dati riportati si riferiscono alla collocazione fisica dell'opera e al numero identificativo dei repertori bibliografici utilizzati per la ricerca: Indice Generale degli Incunaboli delle biblioteche d'Italia (IGI) e The Incunabola Short Title Catalogue (ISTC)5.
Procediamo ora con l'esposizione dei risultati.
INDICE

TIMOTY LEONARDI, Incunaboli torinesi della Biblioteca Reale: evidenze filigranologiche

MARIO OGLIARO, Libertino Cleríco un umanista vercellese alla corte degli Sforza e dei Paleologi

GIANCARLO CHIARLE, I libri della Certosa scomparsa. Ricerche in corso d'opera

FRANCESCO MALAGUZZI, Su alcune edizioni dei Berruerio fra Mondovì e Savona

LUCA TOSIN, Annotazioni su una cinquecentina di Giacomo Bosio

ALESSANDRO BIMA, Breve nota su Carlo Muletti di Saluzzo e la sua biblioteca

PIERA MAZZONE, Generosità che arricchiscono la biblioteca

DARIO CASTELLANO, La Biblioteca Diocesana "Giulio Bonatto" di Pinerolo

FRANCESCO MALAGUZZI, Addizioni Bibliografiche. 2

In memoriam

Notizie
Un sogno postumo di Sandro Dorna - Eventi - Primo catalogo della biblioteca di Jean Bonna - Il Palmaverde e l'Almanacco di corte - Libri del conte Bocca - Mostra su Carlo Vidua - Sulla Biblioteca del Seminario di Alessandria - Sulla Biblioteca di Francesco Cavassa - Legature in Astigiano e Torinese - Tesi discusse negli Atenei piemontesi nel 2008 - Donazione Alberto Basso

GLI AUTORI




aa.vv.

BIBLIOFILIA SUBALPINA - Quaderno 2008

editore CENTRO STUDI PIEMONTESI
edizione 2008
pagine 206
formato 17x24
brossura
tempo medio evasione ordine
5 giorni

18.00 €
18 €

ISBN : 978-88-8262-141-4
EAN : 9788882621414

 
©1999-2017 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com