motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autoriservizio segnalazione novità2014 Promozioni
Alcune proposte
BUGELLA CURTIS MAGNA
Con le sue Cittą, Castelli, Chiese, Palazzi storici, il Contado e i Fatti che hanno segnato il suo mutare come gli antichi Cartografi, Geografi e Vedutisti, ci hanno
tramendato interpretando i resoconti di Viaggiatori e Storici a loro coevi
con l' ANTICA CARTOGRAFIA e una rassegna di STAMPE e DISEGNI realizzati tra il XVI e XIX secolo.

Il mutare della rappresentazione figurativa del Territorio Biellese nell'antica cartografia, nelle stampe e disegni realizzati tra il XVI e XIX secolo.

Una scenografia del passato, creata da immagini e testi coevi, dedicata a quei lettori curiosi di scoprire, attraverso un viaggio nel tempo, la storia della propria terra.


I CONTENUTI


Il volume ha come soggetto il Territorio Biellese, un'area omogenea della cui identità territoriale, morfologica e politica, abbiamo precise testimonianze già nei primi documenti a stampa, che lo hanno descritto nell'evolversi dei suoi aspetti topografici, urbanistici, paesaggistici, monumentali e di costume.
Attraverso questo territorio inizia il viaggio spazio-temporale che dai primi insediamenti del gruppo etnico iniziale celtico, si snoda attraverso l'epoca eusebiana, l'età dei comuni, le lotte con il clero vercellese, il dominio visconteo, l'avvento di Casa Savoia, la dominazione francese, l'evolversi dell'attività manifatturiera e lo sviluppo industriale, la temporanea annessione alla Francia napoleonica, sino al primo Regno Italiano dei Savoia.
Per questo viaggio abbiamo scelto come guida l'antica cartografia poichè essa si presta non solo a differenti livelli di lettura ma anche a diversi tipi di approccio. In essa convivono le più disparate discipline, dal calcolo matematico alle belle arti, dalla storia alla leggenda. Questa ricchezza di elementi dovuta alla sua funzione di "rappresentazione del mondo" è, ancora oggi, ciò che la rende affascinante per un pubblico di interessi diversi, sensibile al fascino del passato e della sua rappresentazione visiva.
Abbiamo cercato di raccontarlo col susseguirsi di carte topografiche, mappe, piante, vedute, profili orografici e con citazioni di viaggiatori, scrittori e storici coevi secondo una scelta che tenesse conto oltre che della componente storica anche della ricercatezza esecutiva, della curiosità e della piacevolezza dell'immagine.
Alcune di esse sono veri e propi capolavori dell'arte della stampa, altre sopperiscono ai limiti della scienza del tempo con la bellezza del disegno e il volo dell'immaginazione.
Tutte insieme sono la testimonianza di come, nel tempo, l'uomo abbia cercato di descrivere la terra in cui viveva.
UN RACCONTO PER IMMAGINI

A Bugella Curtis Magna, secondo volume della collana "Carte del passato" spetta proseguire quel viaggio spazio-temporale, iniziato con l'Agro Vercellese e mirato ad attraversare via via territori diversi ma, nel contempo, ben definiti etnologicamente, geograficamente e storicamente.
Lo spazio territoriale che ci accingiamo ad attraversare si può riconoscere in quella "Curtis Bujellam et Bujelliense Districtum cum omnibus suis appendiciis et pertinentiis", come è definito nell'atto di donazione di Carlo Grosso dell'882, e che ben presto ha saputo aggregare a se quel territorio che oggi rappresenta la Provincia biellese.
Lo spazio temporale prende avvio dai primi insediamenti celti e da Roma imperiale, si snoda attaverso l'età dei Comuni, l'avvento di Casa Savoia, il dominio visconteo, il giogo francese e spagnolo, sino all'Unità d'Italia.
Anche in questo viaggio fa da guida l'antica cartografia poichè in essa convivono le più disparate discipline, dal calcolo matematico alle belle arti, dalla storia alla leggenda.
Questa ricchezza di elementi, dovuta alla sua funzione di "rappresentazione del mondo" è, ancora oggi, ciò che la rende uno strumento di conoscenza e d'approccio, certamente affascinante e per di più spendibile a diversi livelli, per una gamma ampia e variegata di fruitori, sensibili al fascino del passato e della sua rappresentazione visiva.

Abbiamo cercato di raccontare questo viaggio col susseguirsi di documenti e citazioni coeve di storici, letterati, viaggiatori, il tutto ambientato in una scenografia del passato fatta di geocarte, piante, mappe, di profili orografici e vedute, secondo una scelta che tenesse conto, oltre che della componente storica, anche della ricercatezza esecutiva, della curiosità e della piacevolezza dell'immagine.
Pur nel rispetto filologico della geocarta come documento archivistico, si è privilegiato l'interesse del suo contenuto di rappresentazione visiva e conoscitiva del territorio.
Purtroppo, si sa, nella cartografia antica esiste il "conosciuto" che viene illustrato con simboli grafici, ma anche lo "sconosciuto" lasciato a spazi bianchi, quelli che la cartografia settecentesca indica con Hic sunt leones. Anche nel nostro "viaggio" abbiamo purtroppo trovato degli hic sunt leones, che a nostra volta siamo costretti a lasciare all'immaginazione dei viaggiatori.
Ma è proprio con il volo dell'immaginazione che il documento, l'immagine, il testo divengono specchio dell'impronta culturale del territorio; testimonianza incontestabile, insostituibile e indispensabile quando si voglia considerare con coerenza la storia della propria terra.


 


Giorgio Tacchini-Perluigi Portinaro

BUGELLA CURTIS MAGNA

editore CODIROSSO
edizione 2001
pagine 232
formato 24x33
copertina cartonata, stampa a 6 colori plastificata opaca con evidenze lucide
tempo medio evasione ordine
2 giorni

80.00 €
60 €

ISBN :
EAN :

 
©1999-2017 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com