motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autoriservizio segnalazione novità2014 Promozioni
Alcune proposte
BUSCHESI
appunti per una storia della città
Dopo la prima edizione, andata esaurita,
questo libro viene riproposto, con l'aggiunta di due capitoli, anche per ricordare le iniziative del 250° anniversario della concessione del titolo di Città a Busca, caduto nel 2012, la ricorrenza che ha dato lo spuntoalla stesura della storia tracciata qui.

Si parte da lontano:
com'è nato il borgo antico? chi comandava? come e perché il Comune divenne Città?
Si passa ai giorni dei nostri padri: come fu vissuta qui l'ultima guerra?
come avvenne la Liberazione? chi erano i personaggi?
Si giunge a noi:
chi ha amministrato la Città nell'epoca della Repubblica? come è cresciuta? com'è oggi?
Seguendo il filo della memoria civica,
sono stati trattati temi come lo sviluppo demografico ed urbano, l'economia, l'assistenza e la sanità,
il volontariato, la musica, lo sport, il carnevale.
Al centro di tutto ci sono i Buschesi,
semplici cittadini e famosi benefattori, imprenditori ed artisti, studiosi ed estrosi innovatori.
Cartoline d'epoca inedite e fotografie d'autore illustrano i racconti, scritti da diversi collaboratori.
La doppia copertina artistica racchiude il senso dell'opera.


A volte le cose nascono come per caso.
Per caso, in un piovoso pomeriggio della primavera 2011, un po' distratto nel mio lavoro quotidiano, entrai nella sala che ospita l'Archivio storico comunale, che si trova proprio di fianco al mio ufficio.
Incominciando a curiosare fra i faldoni ordinatamente allineati in quei vecchi, solidi armadi in massello ed andando a cercare apposta le date più antiche, per caso, mi imbattei in una carta datata 5 dicembre 1762.
Era la dichiarazione con cui il Re Carlo Emanuele III di Savoia autorizzava Busca a dirsi Città.
Cosa significa letteralmente chiamarsi Città è scritto più avanti in queste pagine.
Quel che comporta emotivamente veder riconosciuto in modo ufficiale da un personaggio della Storia un titolo di prestigio ad un luogo così vicino e radicale come il posto in cui sei nato e vissuto, e di cui magari hai avuto la ventura di diventare amministratore, è un piccolo moto di orgoglio, magari un po' ingenuo o provinciale, ma genuino.
Ho pensato che, questo, fosse un sentimento da condividere con tutti i Buschesi e che i 250 anni dalla dichiarazione del Re meritassero di essere festeggiati insieme. E che per onorarli fosse necessario lasciare una (nuova) traccia scritta capace di evocare la Buschesità.
Mentre proseguivo, nei ritagli di tempo, a cercare tra i documenti, le delibere, le ordinanze, le circolari, le lettere, le annotazioni dell'Archivio e mi figuravo dai resoconti il lavoro dei tanti miei predecessori nel ruolo di Sindaco di Busca, da un lato pensavo che tutte quelle carte avrebbero meritato l'attenzione di uno storico di professione, che avrebbe saputo come mettere ordine tra tante informazioni e avrebbe reso onore come si deve alla storia amministrativa della Città; ma, d'altro lato, quasi sicuramente il professionista non avrebbe potuto essere un Buschese ed, in fin dei conti, non era la Storia, quella di cui avrei desiderato lasciare traccia, ma la semplice nostra piccola storia quotidiana.
Un po' perso fra tanti pensieri, ho fatto quel che fanno tutti quando si sentono un po' persi: ho chiamato gli amici. E ho chiesto loro, da Buschesi, di aiutarmi.
Immaginateci come in una veglia della nostra tradizione contadina, tutti seduti intorno al camino. Noi, buschesi brava gente, a raccontarci non storie di masche e di paura, ma storie vere, dei nostri padri e di quel che fecero per fare di Busca "Busca". A cercare, come scrive Carlo Alberto Parola nel suo delizioso quadro in prefazione, il cardine della Buschesità. Un'idea non autarchica, ma affettuosa di sentirci comunità: la parlata (larga e dolce), i luoghi (non andiamo "in piazza" ma "su di Busca"), le persone (chiamate per nome e, talvolta, per soprannome), la cucina (il massimo della goduria un dolce chiamato Bacio). Un modo d'essere: rispettosi, seri, modesti, ingegnosi, volonterosi, fraterni.
Tutti insieme abbiamo tracciato alcune semplici pennellate in forma di racconto.
Così è nata questa raccolta di appunti. Come per caso.

INDICE

Come per caso di LUCA Gosso
Buschesi brava gente di CARLO ALBERTO PAROLA
CAPITOLO I
Vicende precedenti
Dalla nascita al Settecento di GISELLA GIRAUDO
Città per merito di un bosco
Dal Settecento alla II Guerra Mondiale
Buschesi nel mondo di ALESSANDRA BOCCARDO
CAPITOLO II
Resistenza e Liberazione
La guerra in casa di MARIO R
-ERARDO
CAPITOLO III
La storia amministrativa
Dieci sindaci
Dove vince la "dicci"
I Sindaci dal 1762
CAPITOLO
Espansione demografica, economica e urbana
L'andamento demografico
di SARA VILLA E SILVIO ARMANDO
La crescita economica di ELIO AMBROGIO
Due banche e un banchiere di ELIO AMBROGIO
Lo sviluppo urbano di PIER LUIGI Gosso
CAPITOLO V
Gli edifici pubblici
Il Municipio di ADRIANO Rossi
Il Teatro Civico di ELISA Gosso
Casa Francotto
Il Palazzo della Musica di BRUNO TALLONE
CAPITOLO VI Le scuole di musica
La scelta di investire sulle note di ANTONIO FERRAR
Cori, orchestre e bande di MARCO GALLO
CAPITOLO VII Assistenza e sanità
Una storia di generosità di LUCIA Rosso
CAPITOLO VIII I grandi benefattori
Giuseppe Ferrero di LUIGI CHIAMBA
Ernesto Francotto di MARIANGELA TALLONE
Agostina Truccone
CAPITOLO IX Personaggi
Angelo Romagna di RENO MASOERO
Secondo Occelli di MARIANGELA TALLONE
Chiaffredo Perano di MARIO BANCHIO
Michele Pignatta di BRUNO PIGNATA
Nino Isaia di MARIANGELA TALLONE
Stefano Bargis di Ivo VIGNA
Giorgio Beltrutti di MARIANGELA TALLONE
Luigi Cismondi di MARIANGELA TALLONE
Francesco Fino di MARIANGELA TALLONE
Giuseppe Fassino di GIANNI RABBIA
I frati Cappuccini di FLAVIO PEANO
CAPITOLO X Le associazioni
Il volontariato civile di DIEGO BRESSI
CAPITOLO XI Cittadella sportiva
Pennellate di gloria di GIANGI GIORDANO
Con la montagna "dentro" di ENRICO LERDA
CAPITOLO XII Il Carnevale
Maschere di pane di DAVIDE MATTIO
CAPITOLO XIII Da 250 anni Città
2012 gli eventi dell'anno
\PPENDI
I luoghi del cuore di BRUNO PIGNATA
Autori
Bibliografia e sitografia




Mariella Bosio

BUSCHESI

editore FUSTA
edizione 2013
pagine 240
formato 21x30
cartonato
tempo medio evasione ordine
ESAURITO

25.00 €
25 €

ISBN : 978-88-95163-75-8
EAN : 9788895163758

 
©1999-2017 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com