motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autoriservizio segnalazione novità2014 Promozioni
Alcune proposte
IL CAMPIONE SILENZIOSO
La vita e le imprese di Franco Balmamion
INTRODUZIONE

Il mondo del ciclismo è ricchissimo di personaggi famosi e acclamati: per le loro vittorie, per le sensazioni che sapevano dare ai propri tifosi, per le emozioni suscitate dalle grandi imprese.
Libri narrano le gesta di ciascuno di essi, perché molto spesso a un campione corrisponde un cantore, che ne sa cogliere anche gli aspetti più nascosti.
Come nelle migliori famiglie però, anche nel mondo celebrato delle due ruote, qualcuno che esce dalle regole c'è: un campione che non ha avuto mai la giusta gloria per le imprese compiute, se non tra la sua gente, che non ha mai suscitato "pruriti" giornalistici, tanto da non meritarsi neppure un biografo di peso.
Franco Balmamion ha vinto due Giri d'Italia consecutivi nel 1962 e 1963, impresa che nel dopoguerra non è riuscita se non ai campionissimi Fausto Coppi (1952-1953) e Eddy Merckx (che centrò addirittura la tripletta 1972-1973-1974) e al fuoriclasse spagnolo Miguel Indurain (1992 - 1993). Nella c[assifica dei plurivittoriosi sempre nel dopoguerra, Franco Balmamion entra nei "Magnifici 11" che hanno vinto almeno due volte la massima rassegna a tappe italiana: oltre ai già citati Coppi (che vinse anche nel 1947 e 1949), Merckx (che trionfò anche nel 1969 e 1970) e Indurain, ci sono Fiorenzo Magni (19481951-1955), il lussemburghese Charly Gaul (1956 e 1959), il grandissimo francese Jacques Anquetil (1960 e 1964), Felice Gimondi (1967-1969-1976), l'altro francese Bernard Hinault (1980-1982-1985), Beppe Saronni (1979-1983) e Ivan Gotti (1997-1999), che avrebbe potuto essere sostituito da Marco Pantani, vincitore nel 1998 e fermato alle soglie della doppietta l'anno dopo a Madonna di Campiglio.
Basterebbe questo dato statistico a fare di qualunque corridore un eroe da non far mai più scendere dal piedistallo dei suoi trionfi. Per Franco Balmamion le cose invece non andarono così. Non gli bastò il fatto di non essere comunque un "carneade" a vincere il primo Giro, dal momento che a marzo si era già imposto su Adorni nella Milano - Torino, non gli bastò la riconferma della stagione successiva, arrivata dopo i successi al faticoso Giro dell'Appennino e al Campionato di Zurigo. Non gli bastò poi neppure la maglia tricolore conquistata nel Giro di Toscana del 1967. Non era lui il favorito della critica giornalistiсa al Giro d'Italia: lasciarlo nel limbo degli outsiders sempre, significava non dover ammettere un grosso sbaglio di valutazione.
[..]
INDICE

Prefazione

Introduzione

Capitolo I Chi è Balmamion

Capitolo II I primi successi da dilettante

Capitolo III Le grandi vittorie: il Giro d'Italia 1962

Capitolo IV Le grandi vittorie: il Giro d'Italia 1963

Capitolo V Le grandi vittorie: la maglia tricolore 1967

Capitolo VI Il Tour de France

Capitolo VII Il campionato Mondiale

Capitolo VIII Le altre vittorie

Capitolo IX Altri piazzamenti e le corse "stregate"

Capitolo X Il ciclismo nel Ciriacese e Valli di Lanzo

Bibliografia




Bruno Bili

IL CAMPIONE SILENZIOSO - Bradipolibri

editore BRADIPOLIBRI
edizione 2002
pagine 160
formato 20x29
brossura con alette
tempo medio evasione ordine
ESAURITO

23.00 €
23 €

ISBN : 88-88329-08-0
EAN : 9788888329086

 
©1999-2017 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com