motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autoriservizio segnalazione novità2014 Promozioni
Alcune proposte
CARLO ALBERTO RE
Il 7 febbraio 1848 alle quattro del pomeriggio una folla festante invade le strade e le piazze di Torino. Di bocca in bocca viaggia la grande notizia: il re Carlo Alberto, dopo diciassette anni di governo assoluto e di persecuzioni nei confronti dei patrioti, ha finalmente concesso lo Statuto.
Poche settimane più tardi, il 23 marzo, dal balcone di piazza Castello lo stesso re sventolando una sciarpa tricolore dichiara guerra all'Austria. Ma fino a quel giorno l'Austria era la sua migliore alleata e il tricolore era una bandiera aborrita da lui stesso e dai suoi generali. Come era potuto succedere tutto cio?
Tali drammatiche vicende così complesse, contradditorie ma anche esaltanti ebbero per attori questo sovrano imprevedibile, religiosissimo, ostinato ed enigmantico, e una schiera di italiani diventati famosi che, insieme a migliaia di coraggiosi cittadini, si batterono, in modi sia pure diversi e contrapposti, per far nascere una nuova nazione unita e indipendente: l'Italia.
Si chiamavano Gioberti, Balbo, Mazzini, d'Azeglio, Cattaneo, Garibaldi, Mameli...
Sono tutti i protagonisti di questo libro.
Accompagnato da un ricco apparato iconografico in cui sono illustrati personaggi e fatti storici, il libro è articolato in tre parti: gli anni dell'assolutismo; la società carloalbertina; la Costituzione e la guerra. Particolramente interessante è la seconda, dove si approfondisce il tema delle riforme civili e amministrative e dello sviluppo dell'economia e delle classi sociali nello Statuto rinnovato.

PREMESSA

Il traditore e il re amletico e martire: due stereotipi che l'immagine poetica ha usato per definire una personalità sfuggente, un uomo chiuso e diffidente, che si è trovato a essere protagonista di momenti chiave della storia piemontese prima, italiana, poi. Non è stato in grado di padroneggiare gli avvenimenti, ma ci si è buttato in mezzo con uno spirito a volte cavalleresco, a volte mistico, a volte superbo, e ne è stato due volte travolto: nel 1821 e nel 1849. Esecrato ed esaltato, è stato considerarto per decenni un enigma e per decenni si è cercata la chiave del suo segreto. Ma enigma non è. È una storia complessa e dura, ormai abbastanza chiarita, che è interessante raccontare.
Si è trattato di un uomo intelligente, colto e dotato di forti sentimenti. Ma erano sentimenti contradditori. Da un lato era religiosissimo fino alla superstizione e legato a doppio filo con l'autorità papale, un sovrano leggittimista e assolutista che odiava di odio mortale i rivoluzionari e i patrioti. Dall'altro era animato dal desiderio di ben governare uno Stato moderno e progredito, da una forte ambizione guerriera e dallo spirito cavalleresco di altri tempi.
Odiava gli austriaci e il loro arrogante imperialismo e sognava di essere il cavaliere senza macchia e senza paura che, con la spada in pugno, li avrebbe cacciati dall'Italia. Poichè era questo anche il desiderio più forte dei patrioti ne sarebbe nato l'equivoco e la leggenda del re liberale e democratico, che non fu.
[..]

INDICE

Premessa
INTRODUZIONE
Una situazione internazionale incandescente e i carbonari italiani in armi [..]

PARTE PRIMA
Gli anni dell'assolutismo
Capitolo Primo
Rischi e problemi all'estero [..]
LA TESTIMONIANZA DI CARLO ALBERTO [..]
Capitolo Secondo
Efficenza e repressione all'interno [..]
LA TESTIMONIANZA DI CARLO ALBERTO [..]
Capitolo Terzo
1834-1837: quattro anni di politica estera avventata [..]
LA TESTIMONIANZA DI CARLO ALBERTO [..]
Capitolo Quarto
Evoluzione del governo tra contraddizioni, riformismo e superstizioni religiose [..]
LA TESTIMONIANZA DI CARLO ALBERTO
Capitolo Quinto
La politica estera dal 1838 al 1845 [..]
LA TESTIMONIANZA DI CARLO ALBERTO
Capitolo Sesto
La lotta per il cambiamento in Italia: elaborazioni teoriche e insurrezioni [..]
TESTIMONIANZE E DOCUMENTI [..]
Capitolo Settimo
Nuovi movimenti politici nel Regno di Sardegna ed evoluzione di Carlo Alberto [..]
LA TESTIMONIANZA DI CARLO ALBERTO [..]

PARTE SECONDA
La società carloalbertina
Capitolo Ottavo
Le riforme [..]
LA TESTIMONIANZA DI CARLO ALBERTO [..]
Capitolo Nono
L'industria e l'economia [..]
TESTIMONIANZE E DOCUMENTI [..]
Capitolo Decimo
L'istruzione e la cultura [..]
TESTIMONIANZE E DOCUMENTI [..]
Capitolo Undicesimo
La società [..]
TESTIMONIANZE E DOCUMENTI [..]

PARTE TERZA
Rivoluzioni, Costituzione, guerra d'indipendenza e abdicazione
Capitolo dodicesimo
Gli alti e bassi del 1847 [..]
LA TESTIMONIANZA DI CARLO ALBERTO [..]
Capitolo Tredicesimo
Il Quarantotto: rivoluzione a Palermo, Costituzione a Torino e nelle altre capitali d'Italia [..]
LO STATUTO DI CARLO ALBERTO
Capitolo Quattordicesimo
Rivoluzioni in Europa e nel Lombardo-Veneto. Carlo Alberto adotta il tricolore [..]
TESTIMONIANZE E DOCUMENTI [..]
Capitolo Quindicesimo
La prima guerra d'indipendenza [..]
LA TESTIMONIANZA DI CARLO ALBERTO [..]
Capitolo Sedicesimo
La sconfitta militare e l'abdicazione di Carlo Alberto [..]
TESTIMONIANZE E DOCUMENTI [..]

Note
Bibliografia
Indice dei nomi



 

 






Filippo Ambrosini

CARLO ALBERTO RE

editore CAPRICORNO
edizione 2004
pagine 416
formato 15x21
cartonato
tempo medio evasione ordine
2 giorni

23.00 €
23 €

ISBN : 88-7707-030-7
EAN : 9788877070302

 
©1999-2017 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com