motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autoriservizio segnalazione novità2014 Promozioni
Alcune proposte
IL CASO RAMORINO
Storia di un omicidio di Stato
Gli Autori hanno voluto offrire ai lettori una versione "corretta" degli avvenimenti della seconda fase della prima guerra d'Indipendenza italiana, aderente il più possibile ai documenti di quell'epoca.
Essi non sono stati animati dalla presunzione di voler essere a tutti i costi "revisionisti", ma hanno esclusivamente spogliato il personaggio Ramorino delle responsabilità non sue, attribuibili, invece, al Re Carlo Alberto, ai suoi figli Ferdinando e Vittorio, ai democratici, a tutti coloro che vollero riprendere, sconsideratamente, il 20 marzo 1849, la guerra contro l'Austria.
A Novara, dopo soli quattro giorni di guerra, i Piemontesi subirono una umiliante sconfitta. Quali furono le cause di quel disastro?
Secondo gli Autori, nel "caso Ramorino", la storia, che di solito è scritta dai vincitori, prevale nella versione dei perdenti.
Essa è, per dirla con Sergio Romano, "un impasto di ideali e di fango, in cui non è mai facile calcolare con esattezza la dose degli uni e la dose dell'altro".


PREFAZIONE

Antonio Di Paola

Perché Ramorino e non Annibale o Napoleone o Federico il Grande, insomma, un noto e famoso personaggio storico?
Perché un saggio su questo discusso Generale, comandante di una divisione piemontese nella seconda fase della prima guerra d'Indipendenza?
Nei libri di storia il personaggio Ramorino viene normalmente liquidato con poche parole: "I Piemontesi furono battuti dagli Austriaci a Novara per il tradimento di Ramorino o, quanto meno, per aver questo Generale trasgredito l'ordine di difendere la posizione di Cava di fronte a Pavia, permettendo a Radetzky di invadere da quella parte il territorio piemontese".
Mi sono allora detto che Ramorino doveva averla fatta proprio grossa, dato che Carlo Alberto e compagni erano stati battuti dal Feldmaresciallo austriaco dopo solo quattro giorni di guerra.
Ma, a prima vista, c'era qualcosa che non quadrava, perciò il sospetto mi ha spinto a scavare per verificare com' erano andate esattamente le cose. Poi, c'è stato anche un antefatto.
In una splendida giornata di sole di settembre dell'anno 1978, l'amico scrittore Piero Chiara m'invitò sulla sua barca, La Tinca, per una gita sul lago Maggiore.
Quel giorno Chiara era allegro e disposto a qualche confidenza (ne approfittai) sulla reale identità di alcuni suoi personaggi, tratti dalla realtà locale e non dalla sua fantasia. Nel corso di questa piacevole conversazione, Chiara mi chiese: "Hai mai sentito parlare di un certo Ramorino?"
Sapevo che gli piaceva parlare più che sentir parlare, perciò mi limitai a dire che era un Generale che aveva militato nell'esercito piemontese.
SOMMARIO

Presentazione di Renzo Dionigi
Rettore Università dell 'Insubria di Varese
Prefazione di Antonio Di Paola
Notte dopo la battaglia
Milano insorge
Fuga da Milano
Varese, terra di confine e di patrioti
Niente guerra per ora
Il Re tra i partiti e il popolo
Rompere la tregua
Boccone amaro per Gioberti
La logistica piemontese
I tre piani di guerra
La gita ad Alessandria
L'armata piemontese di Carlo Alberto
La Surrogazione
La Fanteria e l'Artiglieria
Lo Stato Maggiore
La Divisione Lombarda e il suo Generale

L'esercito austriaco di Radetzky
Il Comandante Supremo
La Fanteria
L'Organizzazione dell'Esercito

Il giallo del telegramma
A passo di parata verso Magenta
La mossa di Radetzky
Disastro a Mortara
Il fronte di Vigevano
A Novara per l'ultimo scontro
La corrispondenza di guerra
La disfatta
L'incontro di Vignale
Il processo
L'interrogatorio di Ramorino
Le conclusioni dell'accusa
L'arringa finale del difensore La Grange Posterla
Dichiarazioni finali di Ramorino
La fucilazione di Ramorino

"I posteri e il tempo mi giustificheranno"
Note al testo
Bibliografia
Documenti e articoli




Antonio di Paola - Irene Affede

IL CASO RAMORINO

editore DANIELA PIAZZA
edizione 2008
pagine 270
formato 17x24
plastificato con alette
tempo medio evasione ordine
2 giorni

24.00 €
24 €

ISBN : 978-88-7889-218-7
EAN : 9788878892187

 
©1999-2017 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com