motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autoriservizio segnalazione novità2014 Promozioni
Catalogo 2014 - Periodici
LE GRANDI CATASTROFI DELL'UMANITÀ
catastrofi naturali ed epidemie, disastri provocati dalla tecnica, guerre e attacchi terroristici
Nella traduzione letterale del termine greco,"catastrofe" significa sia ritorno o cambiamento, sia sciagura, fatalità, crollo. Nella lingua comune, invece, la parola ha perso il primo dei due significati, mantenendo soltanto quello di sventura, al limite di cambiamento che reca in sé una sventura. Partendo da quest'ultimo significato si sarebbe tentati di credere che noi viviamo in un perenne stato di pace e che il male sia sempre qualcosa che ci colpisce improvvisamente e ci danneggia proprio nel momento in cui meno ce lo aspettiamo. Il che, ad analizzare bene, non è poi così vero, dato che nel nostro mondo le catastrofi sono frequenti e conviviamo costantemente con loro, anche se, per fortuna, raramente ci colpiscano in prima persona.

Un libro sulle catastrofi avrebbe potuto sicuramente essere più corposo di questo, anche solo limitandosi a quelle che hanno colpito l'umanità dall'inizio di questo secolo e che continuano a colpirla. Catastrofi che, a ben vedere, riguardano tutti i capitoli del volume: vulcani e terremoti annientano l'umanità sin dalla notte dei tempi; tempeste e inondazioni hanno distrutto aree intere del mondo e causato un numero di vittime mai riscontrato prima; fame e sete ci accompagnano costantemente; epidemie e pestilenze sono nostre compagne di viaggio sin dai primordi, anzi talvolta malattie che si credevano ormai debellate tornano minacciose alla ribalta; guerre e azioni di terrorismo si stanno verificando anche mentre scriviamo queste righe; incidenti aerei, su navi e soprattutto in automobile sono ormai argomento quotidiano. Ultima, ma non meno importante, è la maledizione della tecnica, che dona si al mondo occidentale ogni comfort ormai imprescindibile dalla nostra vita, ma al contempo richiede un ingente tributo e talvolta risulta fatale.
Ovviamente abbiamo anche scelto e introdotto incidenti verificatisi molto tempo fa: il nostro pianeta infatti è un luogo fragile e la sua storia è satura di avvenimenti drammatici e spesso carichi di conseguenze, che ne hanno modificato la struttura prima ancora che l'uomo vi facesse la sua comparsa. Da quel momento, tuttavia, è l'uomo stesso che contribuisce in gran parte al verificarsi di simili eventi tragici, tanto che molti sono proprio da ricondurre alla sua esistenza. Da quando i media ci forniscono informazioni in tempo reale e di ogni avvenimento si ha subito notizia, ci si pone sempre più spesso alcune domande: come si comporta l'uomo dinanzi a una catastrofe? E soprattutto, come resistere alla quantità di informazioni catastrofiche che ci sommergono quotidianamente? Come si misura una catastrofe? Dal numero di vittime? Oppure dal pianto dei sopravvissuti? O ancora, ci sono squadre o singoli uomini che calcolano gli anni di progressi compiuti e andati improvvisamente distrutti in un momento?
I danni possono essere sempre calcolati in denaro: le assicurazioni forniscono alio scopo dati più che precisi.Tuttavia l'impatto principale non consiste in questi elementi, ma soprattutto nella sorpresa, nell'intrusione dell'imprevisto. L'orrore inimmaginabile e imprevedibile della sorpresa è l'elemento fondamentale.

La scelta delle singole catastrofi che vengono presentate in questo volume si è per io più orientata a un simile elemento. Qual è la catastrofe peggiore in assoluto? Uno tsunami? Un argine che salta? Lo scontro tra due jumbo? Un incidente nucleare? Tutti questi scenari dell'orrore si sono effettivamente verificati e ci vengono anche proposti in tempo reale, ma noi partiamo sempre dal presupposto che un eventocosi terribile non ci accadrà mai. È questo il sistema escogitato dall'uomo per sopravvivere. L'evento stesso coglierà sempre l'uomo impreparato, indipendentemente da quanto cerchi di prepararsi. E ci toglie ogni volta di più il respiro.
Otto capitoli, corredati da foto e illustrazioni spettacolari dedicati alle più sensazionali catastrofi della storia, tra cui:

• L'eruzione del Vesuvio e del Krakatoa
• I terribili terremoti di San Francisco, Tangshan e Kobe
• La nube tossica di Seveso
• Lo tsunami di Sumatra
• L'uragano Katrina
• La carestia in Irlanda
• La siccità negli Stati Uniti
• Le pandemie di influenza
• Le malattie mortali quali peste, colera e Aids
• La bomba atomica di Hiroshima
• Gli attacchi al World Trade Center
• I voli tragici di Challenger e Columbia
• L'affondamento di Titanic, Estonia e Kursk
• Il disastro ambientale in Cornovaglia
• Gli incidenti di Chernobyl e dell'industria chimica Sandoz

SOMMARIO

Le grandi catastrofi dell'umanità

VULCANI, TERREMOTI E INCENDI
[..]

TEMPESTE E INONDAZIONI
[..]

CARESTIE E SICCITÀ
[..]

EPIDEMIE E PESTILENZE
[..]

GUERRA E TERRORISMO
[..]

TERRORE IN VOLO
[..]

TERRORE IN MARE
[..]

PERICOLI DELLA TECNICA
[..]

Bibliografia e referenze fotografiche

Indice




Herbert Genzmer - Christian Schýtz - Sybille Kershner

LE GRANDI CATASTROFI DELL'UMANITA'

editore GRIBAUDO - PARRAGON
edizione 2008
pagine 320
formato 21,5x27
cartonato con sovracoperta colori
tempo medio evasione ordine
ESAURITO

14.95 €
14.95 €

ISBN : 978-88-7906-465-1
EAN : 9788879064651

 
©1999-2014 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com