motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autoriservizio segnalazione novità2014 Promozioni
Alcune proposte
C'ERO ANCH'IO
Storie di pace e di guerra tra Alpi, Russia e Monferrato
Un ragazzo ventenne, cresciuto tra le vigne del Monferrato e con la passione per la letteratura, nel 1941 si ritrova arruolato nei cosiddetti "battaglioni universitari volontari": l'italia di Mussolini è in guerra e ha bisogno di uomini da inserire nei reparti di complemento delle divisioni al fronte. Dopo l'addestramento alla Scuola Militare Alpina di Aosta, Maschio viene trasferito a Bassano, a Trento, a Gorizia, finché il 2 gennaio 1943 sale sul treno che lo porterà in Russia. Sempre su un treno, qualche mese più tardi, rientrerà in patria seguendo le sorti di un esercito ormai allo sbando, per poi, nel 1944, tornare fortunosamente a casa, sulle colline dove i partigiani stanno cercando di cacciare i nazifascisti... ricordi personali di un protagonista di un periodo tragico della nostra storia, un testimone che anche nei momenti più difficili non ha mai perso il gusto per la vita.

Tempo di "andare a tirare"

Ai tempi della mia lontana giovinezza, quando un ragazzo arrivava ai diciotto anni si scatenava la burrasca ormonale dell'andè a tirè. Il "tiraggio" - mi si perdoni il termine - corrispondeva al momento in cui il giovane veniva chiamato alla visita medica per accertare la sua idoneità a fare il soldato. Si trattava di un vero e proprio passaggio iniziatico alla vita. Sul piano civile, era importante quanto il battesimo.
Nel Monferrato se ne parla ancora, in certi paesi si fa ancora festa, ma è un'eco appena percettibile, di un clamore svanito: un fuoco senza fiamma se paragonato all'incendio travolgente che avvolgeva la gioventù di un tempo.
L'espressione ha un'origine lontana di secoli e risale a quando il re Emanuele Filiberto, trasportando la capitale da Chambery a Torino, iniziò la costruzione delle fortune sabaude in Italia. Tra le altre cose, impose per legge il servizio militare obbligatorio. Imperativo serio ma anche aleatorio, poiché si poteva prestare a vari "commerci". Mi spiego: il giovane, dichiarato abile e arruolato, doveva "tirare" (estrarre a sorte) da un sacchetto, alla presenza dei commissari di leva, un numero da 1 a 90; in base al numero estratto si stabiliva la durata del servizio militare (se non vado errato, i numeri bassi comportavano parecchi anni di servizio, i numeri alti meno anni; se si estraeva il 90: esenzione dal servizio militare).
Si trattava in definitiva di una vera ingiustizia, aggravata dalla possibilità di cessione: se un ricco possidente "tirava" un numero basso e un povero diavolo un numero alto, nulla vietava lo scambio (naturalmente il baratto era soggetto a un passaggio di denaro o di altri benefici). Morale: di norma i ricchi se ne stavano a casa e i poveracci portavano lo zaino per anni.
[..]
INDICE

Tempo di "andare a tirare"

L'Italia entra in guerra

I volontari con la cartolina rosa

La Scuola Militare Alpina di Aosta

Allievo ufficiale a Bassano del Grappa

Ufficiale a Trento

Destinazione Gorizia

Russia, andata e ritorno

Il rientro in Italia

Di nuovo in Friuli

Il fortunoso viaggio verso casa

Alla ricerca di un'identità

Verso la Liberazione

Capitano... ad honorem

APPENDICE

La ritirata di Russia nelle testimonianze di alcuni reduci

La mia ritirata

Montegrosso: la folle rivalsa

In ricordo di Ulisse




Giovanni Battista Maschio

C'ERO ANCH'IO

editore COSTAROSSA
edizione 2008
pagine 136
formato 14x21
brossura
tempo medio evasione ordine
ESAURITO

10.00 €
10 €

ISBN : 978-88-903345-0-4
EAN : 9788890334504

 
©1999-2017 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com