motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autoriservizio segnalazione novità2014 Promozioni
Alcune proposte
DE LIBRIS
Cinquecento anni di bibliofilia in Piemonte
Cinquecento anni di bibliofilia

A distanza di tredici anni dalla mostra di legature in raccolte private piemontesi che la Camera di Commercio di Torino e il Centro Studi Piemontesi organizzarono con clamoroso successo a Torino Incontra, il Centro Studi Piemontesi ha realizzato una nuova mostra di libri da collezioni e istituzioni private.
Mentre la ricostituzione di biblioteche storiche può oggi avvenire solo virtualmente, l'ambizioso progetto di riunire esemplari di antiche biblioteche dispersi in raccolte attuali è risultato realizzabile grazie al sostegno dell'Associazione dei Bibliofili Subalpini e alla disponibilità di privati e istituzioni.
Il panorama di Cinquecento anni di bibliofilia non ha pretesa di completezza né, ovviamente, per le collezioni dinastiche, ampiamente documentate nelle istituzioni pubbliche torinesi, né per quelle private, fra cui mancano per ragioni facilmente intuibili nomi eccellenti. In cambio non abbiamo rinunciato a citare bibliofili meno noti, rappresentativi di un mondo riservato, ma non per questo meno interessante.
Come per Preziosi in biblioteca, questo il titolo della mostra del 1994, più che a un catalogo si è pensato a un album che
documentasse gli esemplari in mostra, corredato da scarne indicazioni bibliografiche. Per alcune biblioteche e per le collezioni contemporanee la relativa documentazione iconografica è introdotta da contributi specifici.
La presentazione di una mostra con più di quattrocento esemplari inevitabilmente non può essere puntuale e rischia di privilegiare gli elementi paratestuali, tipo legatura e illustrazione. La prima parte della mostra dedicata a esemplari da biblioteche dinastiche, a esempio, è praticamente basata su legature con elementi araldici.
Con queste premesse, mi limiterò a segnalare alcuni libri particolarmente significativi, come gli statuti ducali con cui si apre la mostra, due esemplari di eccezionale importanza. Il primo (n. I) è un incunabulo con la prima edizione di detti statuti decorata all'incipit con splendido capolettera miniato. Il secondo (n. 2) presenta una importante antiporta xilografica araldica ripresa nelle edizioni del 1513, 1520 e 1530.
Dei rarissimi libri per il duca Emanuele Filiberto sono esposti un paio di volumi, uno con armi dipinte su pergamena (n. 3), l'altro con superlibros di dono. (n. 4).
[..]
A conclusione di un panorama di cinque secoli e a documentazione della vitalità della bibliofilia subalpina si espone nella seconda sezione della mostra una selezione di raccolte tematiche contemporanee, ciascuna preceduta da una breve presentazione del collezionista. Basti qui ricordare i temi svolti nelle diverse vetrine: Tassiana, Da Panini a Verga, Araldica, Onore, Cavalleria, Nobiltà, Universitas Scholarium, "Turcherie", In Piemontese, Il futuro nel passato.
Chiude la mostra una vetrina con selezione di legature di pregio da varie raccolte e una vetrina dedicata, anche per il valore simbolico che assume per il bibliofilo, a una sola opera di un solo autore.
I 13 tomi che compongono questa straordinaria edizione del capolavoro di Marcel Proust, A la recherche du temps perdu, sono stati stampati in 120 esemplari su carta Lafuma dall'originale N. R. F. (1918 - 1927). La legatura marocchino bleu fu progettata dal più noto legatore del Novecento, Paul Bonnet, in uno stile irradiant diventato celebre, con varianti raffinatissime da tomo a tomo. Con i volumi sono legate 8 lettere autografe di rilevante interesse firmate dall'autore, per un totale di 54 pagine.

Francesco Malaguzzi
INDICE

Premesse
Gianni Oliva
Rolando Picchioni
Mario Turetta
Franzo Grande Stevens
Andrea Comba
Alessandro Barberis

Una nuova vita per Villa della Regina
Cristina Mossetti - Carla Enrica Spantigati

«... i libri danno un diletto molto profondo...» Giuseppe Pichetto

Cinquecento anni di bibliofilia
Francesco Malaguzzi

La biblioteca di Luigi Einaudi
Amalia De Luigi

La biblioteca di Luigi Firpo
Cristina Stango

Fascino della miniatura
Emanuel Segre Amar

Una collezione di legature contemporanee
Sandro Dorna

Tassiana
Federico Lobetti Bodoni

Ricordi di quinta liceo
Livio Ambrogio

L'araldica, tra libri e antiche carte
Gustavo Mola di Nomaglio

Onore, cavalleria, nobiltà
Enrico Genta Ternavasio

Universitas Scholarium
Marco Albera

«Turcherie»
Roberto Giachino Sandri

In piemontese
Albina Malerba

Il futuro nel passato
Piero Gondolo della Riva

Legature di pregio. I
Giuseppe Pichetto

Legature di pregio. II
Giovanni Chieli

Bibliografia
Indice





a cura di Francesco Malaguzzi

DE LIBRIS

editore CENTRO STUDI PIEMONTESI
edizione 2007
pagine 300
formato 24,5x22
brossura
tempo medio evasione ordine
5 giorni

40.00 €
40 €

ISBN : 978-88-8262-106-3
EAN : 9788882621063

 
©1999-2017 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com