motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autoriservizio segnalazione novità2014 Promozioni
Alcune proposte
DE HISTORIA STIRPIUM
copia anastatica della prima edizione del 1542 (editio isingriniana)
Da uno dei Padri della botanica «restauratore dell’arte di guarire in Europa» proviene questa prima edizione del 1542 per i tipi di Michael Isingrin di Basilea, l’editio isingriniana.
Tale capolavoro è conservato nella biblioteca di Aboca Museum.

Furono così celebri per secoli l’Autore e la sua opera che in molte lingue oggi il nome «fucsia» identifica la pianta, i cui fiori sono di quel colore, scoperta nel 1703 a Santo Domingo e dedicata da allora proprio al Leonhart Fuchs.
Fuchs fu il primo a descrivere la nuova pianta del mais ma, a causa del suo clamoroso ed inspiegabile errore, noi ancora oggi la chiamiamo granturco, da turcicum frumentum. A parte ciò, una delle caratteristiche fondamentali dell’opera è la pregevolezza e piacevolezza dei disegni all’acquerello così accurati che permettono ancora oggi di riconoscere le piante. Singolare è il fatto che l’Autore abbia tenuto in tanto onore i pittori e l’incisore da volerne i bellissimi ritratti nel frontespizio dell’opera accanto al proprio. Si tratta di Heinrich Fullmaurer (1500-?), Albrecht Mayer (1510-1561), e Veyt Rudolff Speckle (1505-1550?). Grazie a loro l’opera contiene immagini di fiori e piante mai prima espresse in maniera più artistica.

Aboca Museum Edizioni, che ha lo scopo prioritario della diffusione del sapere botanico-medico, specialmente per mezzo di facsimile e anastatiche di tavole a soggetto botanico ed erbari antichi, oggi ha realizzato la riproduzione anastatica del De historia stirpium, con la collaborazione di Priuli & Verlucca, editori, che ne cura la distribuzione.
Priuli & Verlucca, già forte per essere presente, fin dai primi anni Novanta, nella specializzata e ristretta cerchia di editori sia di facsimile autentici di codici miniati, sia di anastatiche di codici e stampe rinascimentali, insieme con Aboca Museum coglie l’opportunità della perfetta riproduzione degli antichi capolavori facendo nascere un nuovo valore culturale: invece di un unico esemplare praticamente inaccessibile, la disponibilità e la sostanziale eternità della ineccepibile riproduzione anastatica.
Così è già successo per molti capolavori nella storia, fortunatamente: della statuaria greca abbiamo quasi solo più le copie romane; fu merito dei copisti medievali il salvataggio dei tesori letterari originali dell’antichità; l’invenzione della stampa da fine ’400 e quella della fotografia dalla prima metà dell’800, hanno poi portato radicali innovazioni nella riproduzione, finendo col diventare autonomi generi editoriali.
La riproduzione anastatica è così accurata che mantiene persino le imperfezioni e i restauri dell’originale, dando luogo a un libro di gran lusso in grado di soddisfare le esigenze estetiche e contenutistiche di qualsiasi bibliofilo e appassionato della materia botanica. È identica la misura in folio, mentre per riprodurre la carta è stata usata una carta vergata tipo corolla-book premium white; la copertina è in pregevole similpelle bordò, con sette nervi di rinforzo nel dorso e, nei piatti, rilievi a secco con le immagini del Fuchs e dei suoi collaboratori. Insieme con un ampio saggio esplicativo, a cura di Duilio Contin e Alessandro Menghini, il libro è inserito in un elegante cofanetto identico alla copertina.
Le caratteristiche del libro sono le seguenti:

898 pagine in folio,

517 tavole xilografiche,

343 «stirpi» cioè specie,

125 termini di glossario,

indice analitico in greco, latino, tedesco e di voci di spezieria.


Caratteristiche fondamentali dell'opera sono la precisione e la piacevolezza dei disegni realizzati con la tecnica dell'acquerello.

Furono così celebri per secoli l'Autore e la sua opera che in molte lingue oggi il nome "fucsia" identifica la pianta fiorita, scoperta nel 1703 a Santo Domingo e dedicata da allora proprio a Leonhart Fuchs.




Leonard Fuchs - Saggio a cura di Duilio Contin e A. Menghini

DE HISTORIA STIRPIUM

editore PRIULI & VERLUCCA
edizione 2003
pagine 898
formato 28,5x35
pregevole copertina in similpelle bordeaux, con 7 nervi di rinforzo nel dorso e, nei piatti, rilievi a secco con le immagini del Fucs e aiuti
tempo medio evasione ordine
ESAURITO

480.00 €
480 €

ISBN :
EAN :

 
©1999-2017 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com