motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
I FANTASMI DI TORINO
Il lato più oscuro, misterioso e inquietante di una delle città più eleganti d'Italia
SPETTRI, ALIENI, MOSTRI E ALTRE INQUIETANTI PRESENZE ALL'OMBRA DELLA MOLE

QUEL SOGNO DI ADALGISA: LA CASA DI VIA MASCARA
LE NOTIZIE DALL'AMERICA: IL CASO DELLE SORELLE FOX
E ALLAN KARDEC LANCIÒ LA "DOTTRINA SPIRITICA"
A TORINO, NEL 1856. CAVOUR E GLI SPIRITI
IL POSITIVISTA LOMBROSO -CONVERTITO- DAI FANTASMI
L'ORA DELLE MEDIUM GAZZERA E PALADINO
DOPO LE SONNAMBULE, ESORCISTI E GUARITORI
QUEL "GIOCO" TUTTO FOLLE DI FOTOGRAFARE I FANTASMI
IL FANTASMA DI MARANNOTTI E L'ATTENTATO A MUSSOLINI
A TORINO IL RITRATTO DEL -MARZIANO" ITHACAR
PIÙ DI CENTO FANTASMI NELLA CASA MEDIEVALE
LA SUORA VERSO SERA APPARIVA NEL CORRIDOIO
LE LUNGHE OMBRE NERE DEI DELITTI PIÙ FAMOSI
LA TORINO DI DARIO ARGENTO
L'UOMO CON L'IMPERMEABILE- QUEL MISTERO DI VIA SACCHI
I MESSAGGI DALL'ALDILÀ INCISI SU REGISTRATORE
LE FATE E GLI ELFI DEL REGNO INVISIBILE
IL DUCA CHE FU SEPOLTO INSIEME ALLE SUE PIPE
IL PRODIGIOSO CHE ESCE DALLA QUARTA DIMENSIONE


Fra le ombre lunghe della Torino più antica pare quasi inevitabile pensare a inquietanti presenze. Torino è la città in cui nacque nel 1856 la prima società spiritica italiana a cui aderirono anche alcuni membri del Parlamento. Da essa si sviluppò nel 1863 la Società Torinese di Studi Spiritici. Era l'epoca in cui il conte Cavour, morto nel 1861, colloquiava dall'aldilà con Massimo d'Azeglio. Tra gli studiosi affascinati da questi eventi, ricordiamo un positivista come Cesare Lombroso che se ne occupò lasciando stupefatto l'intero ambiente scientifico. Lombroso a Torino era stato "perito" nel clamoroso processo ad alcuni magnetizzatori che si servivano delle sonnambule per truffare i clienti. In quegli stessi anni esplodeva il mercato delle fotografie scattate a presunti fantasmi durante le sedute spiritiche, che anticipava la pratica, molto più tarda, di registrare presunti messaggi dall'altro mondo. Non manca, quasi a conclusione di questa sciarada esoterica, la mappa delle case in cui sarebbe stata notata la presenza di inquilini invisibili. Mentre il lettore si avvia a scoprire i segreti della quarta dimensione, si dischiude un mondo che arriva da molto lontano e supera i confini della Torino positivista, per proiettarsi verso un orizzonte imprevedibile e sconvolgente.

Introduzione. Caccia ai fantasmi

Dove sono finiti? Ossia, dove sono andati? L'interrogativo si riferisce alle centinaia di miliardi di esseri che si sono susseguiti sulla Terra, dall'attimo in cui sul pianeta comparve la vita fino ai nostri giorni. Una distesa immensa, in ogni epoca, in ciascun angolo del globo, miliardi di esseri sconosciuti, gente qualunque o grossi nomi della storia, morti nelle più varie circostanze, navigatori, scienziati, artisti, papi, imperatori, uomini politici. Tutti chiamati a vivere sul pianeta per un periodo più o meno lungo, nati, vissuti, scomparsi, ma dove sono ora?
Scipione, Cesare, Carlo Magno, condottieri che fecero tremare il mondo con la pretesa di conquistarlo. E tutti i caduti in guerre inutili, sterminati, buttati in fosse comuni, o onorati con grandiosi monumenti. Che resta di costoro? E molti sono considerati "grandi" dalla storia, ma grandi rispetto a che cosa? Così pure i ricercatori che con le loro opere migliorarono di molto le condizioni di vita del mondo; tutti spariti.
Sulla destinazione di così tanti "spiriti" si interrogò un autore celebre per i racconti che vennero a comporre La guida ai fantasmi inglesi, Lord Halifax. Introducendo il suo ben noto Lord Halifax's Ghost Book, citava ciò che era stato detto in proposito da suo padre: «Dove sono i defunti, coloro che abbiamo amato, e coloro a cui abbiamo fatto qualche irreparabile torto? Si sono allontanati da noi per sempre o tornano talvolta a ritrovarci? Sono ancora tra noi, forse, vivi di quella vita vaga, misteriosa e tragica che gli antichi attribuivano ai fantasmi dei trapassati?... Noi non riusciamo né a spiegare quale correlazione ci sia tra il mondo reale da quell'altro che sfugge ai nostri sensi, né siamo sicuri che essi siano separati da una barriera insormontabile». Lord Halifax ovviamente una risposta non poté trovarla, come noi, ma non per questo la sua narrazione è meno ricca di fascino.
[..]
INDICE

Introduzione. Caccia ai fantasmi

I fantasmi di Torino
Un taccuino "profetico" salvato dal fuoco nel 1811
Quel sogno di Adalgisa: la casa di via Mascara
Le notizie dall'America: il caso delle sorelle Fox
E Allan Kardec lanciò la "dottrina spiritica"
A Torino, nel 1856: Cavour e gli spiriti
Le sonnambule al Balon. L'ora dei magnetizzatori
In coda allo "Scribe" per farsi "donatizzare"
Magnetizzatori e sonnambule danno spettacolo in tribunale
Il positivista Lombroso "convertito" dai fantasmi
I torinesi s'incantano per Flammarion e Doyle
L'ora delle medium Gazzera e Paladino
Dopo le sonnambule, esorcisti e guaritori
Quel "gioco" tutto folle di fotografare i fantasmi
Il fantasma di Marannotti e l'attentato a Mussolini
A Torino il ritratto del "marziano" Ithacar
Quella gelida carezza della principessa russa
Più di cento fantasmi nella casa medievale
La suora verso sera appariva nel corridoio
L'"affare" degli amuleti che fungevano da medium
Le lunghe ombre nere dei delitti più famosi
La Torino di Dario Argento e le presenze inquietanti
L'uomo con l'impermeabile: quel mistero
di via Sacchi
I messaggi dall'aldilà incisi su registratore
Le fate e gli elfi del regno invisibile
Il duca che fu sepolto insieme alle sue pipe
Il prodigioso che esce dalla quarta dimensione
Così la Chiesa si oppose alla tentazione spiritista

Appendice. Mappa di luoghi storici, edifici e personaggi (fantasmi compresi)

Bibliografia




Renzo Rossotti

I FANTASMI DI TORINO

editore NEWTON & COMPTON
edizione 2010
pagine 238
formato 15x22,5
brossura con alette
tempo medio evasione ordine
ESAURITO

14.90 €
14.90 €

ISBN : 978-88-541-1616-0
EAN : 9788854116160

 
©1999-2022 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Cell +39 3490876581
Spedizioni corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
ebussi50@gmail.com