motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
IL FILO D'ORO CHE CI UNISCE: RIFLESSIONI DI UNA VITA
Un giorno una collega mi disse: - Povera Gigliola, che schifo è mai stata la tua vita! -
Rimasi infatti vedova a 35 anni, con tre bimbi in tenera età; dovetti seguirli, lasciare il mio insegnamento all'Università di Torino ed accettare una cattedra in un Istituto Superiore di Asti. Dopo la dipartita del Babbo, il mio figlio minore fu in punto di morte per un'intolleranza al vaccino Sabin: si salvò ma, per diversi anni, vissi con la paura, temuta dai medici che lo curarono, di gravi conseguenze mentali o deambulatorie; per fortuna non fu così! Quindi non posso certo sostenere di aver avuto una vita facile e tranquilla!
Ma "da schifo" certamente no! - Per quale motivo? - Con il passare degli anni capii che ogni sofferenza, se pur grave, presenta sempre due aspetti, uno negativo e uno positivo: il primo richiede un esercizio continuo di "pazienza" per poterlo accettare ed essa è, per l'uomo, un grande "valore", che lo si conosce soltanto esercitandola.
Il secondo è "il filo d'oro", cioè l'amore profondo ed oblativo che ci univa nella mia famiglia: questo "filo d'oro" che, nel quotidiano, talora si viveva senza quasi avvedersene, mi aiutò a scoprirne le immense "bellezze e positività" proprio nei momenti più difficili e dolorosi.
Il "filo d'oro" è, fu e sarà per me, per noi in famiglia, una "luce di Pace": ci fa capire, sempre, che, nella vita, nulla ci è "contro"! Anche ciò che a prima vista pare tale, è un "abbraccio di Dio" che ci "prova" come l'oro nel crogiolo, per aprirci ad una gioia, non certo legata ai beni terreni sempre poveri e meschini, ma ad un orizzonte di "serenità immensa": queste sono le uniche ricchezze a cui l'uomo di sempre, anche senza saperlo, incessantemente anela perché, per la sua stessa natura, è assetato di Vero Amore.

Gigliola Gamba
INTRODUZIONE

Sento il dovere di dare alcune spiegazioni sulla nascita di questo libro di tanti momenti "forti" della mia vita e del perchè l'ho iniziato con le pagine che richiamano la morte di Beppe, una persona a noi, famigliari ed amici, tanto, tanto, cara. Rimasi vedova a trentacinque anni: mio marito, a quasi trentasei anni, morì, lasciandomi sola, con tre figli, Gianluca, Rossana e Paolo, rispettivamente di dieci, sette, ed un anno.
Dopo la quasi disperazione "dei primi tempi", lo scompiglio della mia vita, dei nostri programmi e sogni per il domani, che mai ci fu, dovetti, aiutata dai miei genitori, affrontare concretamente la realtà. Continuai ad insegnare, per poter vivere, ma non più, però, all'Università di Torino: Per seguire soprattutto i figli, mi trasferii ad Asti; per trenta anni, la mia sede di "lavoro-missione" fu un Istituto Superiore della città.
Poco dopo la morte di mio marito, provai un bisogno liberatorio di affidare i miei pensieri, le intime riflessioni ad un diario: divenne, per oltre venti anni, un compagno giornaliero e mi servì - credo - per scaricare quello che, dentro di me, pesava troppo e per ritrovare, soprattutto, un certo equilibrio nella quotidianità della vita.
Il tempo passò rapido: i figli crebbero, studiarono, si laurearono: i principi che cercai di inculcare loro, attraverso lunghe e frequenti discussioni, scambi di idee in famiglia e con i loro amici, sono e rimangono saldi, così come il rapporto di vera fraternità tra loro e, ancora più bello, tra i nipoti che sono nati. Essi non vivono in Asti, sono sparsi per il mondo.
Il primogenito è, con la famiglia, in Germania, il più piccolo a Torino con famiglia e figli. La grande "assente" - come distanza, però sempre nel nostro cuore - si è consacrata a Dio e si trova a Città del Messico. Ci vediamo poco, ci sentiamo spesso: nessuna telefonata, né con me, né con i fratelli, è banale o superficiale. Da quando i figli scelsero la loro strada e, prima a singhiozzo - durante gli studi - poi con continuità, allorché si sposarono, non avvertii più il bisogno di scrivere un diario giornaliero.
[..]

Gigliola Gamba





Gigliola Gamba

IL FILO D'ORO CHE CI UNISCE

editore ESPANSIONE GRAFICA
edizione 2006
pagine 128
formato 15x21
brossura con alette
tempo medio evasione ordine
3 giorni

12.00 €
12 €

ISBN : 88-95118-00-6
EAN :

 
©1999-2018 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com