motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
GIOVANNI ZOPPIS
con edizione critica delle commedie
MARIOMA CLARIN - LA NEUJA - LA VIGNA
L'uomo E IL SUO «MONDO» NEL RICORDO DEGLI AMICI

« Di tutti gli autori del teatro dialettale piemontese, se il Garelli fu forse il più comico e arguto, e il Pietracqua il più potente nella drammaticità e nell'effetto scenico, Giovanni Zoppis, a mio avviso » — è Bersezio che scrive in un'Appendice per la « Gazzetta del Popolo » nel 1898 — « fu il più vero, il più semplice, il più naturale, il più simpatico. Il Garelli vi ammaniva, tratto tratto, un bicchiere pizzicante di gazosa, il Pietracqua un bicchierino d'acquarzente, lo Zoppis vi presentava sempre una coppa d'acqua fresca, limpida, schietta, come quella d'una sorgente montanina. Anzi, nessuno scrisse il dialetto cosi puramente come lui: quello delle sue commedie era proprio il linguaggio delle persone e del ceto che metteva in scena e delle circostanze in cui le faceva agire: sentivate che non potevano sentire, pensare, esprimersi diversamente. Mentre gli altri tutti cascavano, ahimé, con troppa frequenza nella declamazione e nella predica e facevano dello stile, egli non si dipartiva mai dalla bonarietà del discorso famigliare, nelle comuni vicende di chi vive modestamente, umilmente, colla irredimibile tirannia dell'abitudine, delle usanze e dei pregiudizi. Come ho già detto Giovanni Zoppis scelse per suo mondo comico la piccola, minuta borghesia, che trammezza fra il proletario operaio e il colto orgoglioso professionista: piccoli possidenti, bottegucciai, impiegatuzzi, maestrine. Di questa brava gente egli penetrò davvero nel cuore e nel cervello, e ne conobbe i pensieri, le debolezze, le qualità.
Non esagerò mai né nei caratteri, né nella favola, né nei sentimenti, né nell'azione; per essere veritiero, per mantenersi nella naturalezza rinunziò più volte all'effetto scenico, e ne fu ricompensato ché, appunto rinserrandosi nella stretta cerchia delle verosimiglianza particolare al suo piccolo mondo, gli avvenne d'incontrare certi finissimi tratti di costumi
[..]

INDICE

Introduzione

Appendice

Marioma Clarin

La neuja

La vigna

La grafia piemontese moderna





Gualtiero Rizzi

GIOVANNI ZOPPIS

editore CENTRO STUDI PIEMONTESI
edizione 1986
pagine 180
formato 18x25
brossura
tempo medio evasione ordine
2 giorni

14.00 €
12.60 €

ISBN :
EAN :

 
©1999-2022 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Cell +39 3490876581
Spedizioni corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
ebussi50@gmail.com