motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte

NON M'IMPORTA SE NON HAI TROVATO L'UVA FRAGOLA
Riscoprire l'infanzia è come trovare un paio di stivali fatati per ritornare al passato

PREFAZIONE

IL TEMPO LIEVE DEL MOSTO E DEI FALO'

"Quando all'età di tre anni mi avevano strappata dalla casa di Mamma Maria, dalla stalla e da tutto il mio mondo rurale che amavo e nel quale mi ero identificata per portarmi alla "Villa Nocciola", correva l'anno 1922".
Le uniche date che racchiudono l'arco temporale del frammento autobiografico di Liliana Giulia Attigliano, detta Lilli, le troviamo nelle ultime righe: rappresentano un congedo, ma anche una concessione alla sinora inappagata curiosità cronologica del lettore. Al quale, nel frattempo, sarà venuto il - fondato - sospetto che la trascuratezza cronologica rilevata potesse essere intenzionale, che il tempo storico, il Tempo ufficiale (con la T maiuscola), fosse stato eluso di proposito. Che, insomma, questa operazione censoria sia stata voluta dall'autrice per un ritorno ai valori temporali dell'infanzia, che non coincidono mai con quelli degli adulti e spesso ne divergono. Quello infantile, infatti, non è un tempo regolato su date convenzionali che scandiscono in giorni, i mesi, gli anni: è un tempo circolare e fluido, un tempo fatto di gioie e dolori, di speranze e di attese, segnato da eventi particolari, da sentimenti intensi ed esclusivi, da emozioni.
Fino alla conclusione il lettore vagherà tra una serie di indizi d'epoca, disseminati quà e là nel racconto - la marca di un'automobile scomparsa dal mercato, i primi apparecchi radio e le prime disturbate "audizioni radiofoniche", le allusioni ad attrici e a pellicole del cinema muto, la denominazione di schiavandari data ai braccianti agricoli, per non parlare di certi elementi di vestiario ormai in disuso, come galoches, cappellini piumati e volpi azzurre..., - indizi che dovrebbero orientarlo verso un determinato periodo.
[..]

Sonia Piloto Di Castri


Una famiglia borghese astigiana degli anni venti sullo sfondo di un Piemonte arcaico e contadino.
Giulia Fiorn compie con questo libro una rivisitazione della propria infanzia , quella di una bambina rifiutata dai suoi stessi famigliari: un'esperienza sofferta riscattata da uno straordinario senso del comico, una vicenda commovente e divertente nella quale i diversi personaggi che vi compaiono sono dipinti con estrema freschezza e realismo.
Un racconto che non mancherà di appassionare i lettori, giovani e non più giovani, nel quale potranno sempre ritrovare qualcosa del loro vissuto e della propria esperienza.

INDICE

Prefazione

Parte prima
Parte Seconda
Parte Terza
Parte Quarta
Parte Quinta
Parte Sesta
Parte Settima
Parte Ottava
Parte Nona
Parte Decima





Giulia Fiorn

NON M'IMPORTA SE NON HAI TROVATO L'UVA FRAGOLA

editore ANGOLO MANZONI
edizione 2008
pagine 336
formato 15x21
brossura con alette
tempo medio evasione ordine
ESAURITO

15.00 €
15.00 €

ISBN : 978-88-6204-042-6
EAN : 9788862040426

 
©1999-2022 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Cell +39 3490876581
Spedizioni corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
ebussi50@gmail.com