motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte

LO SCIALLE

Romanzo

INTRODUZIONE

LIGURIA 1982

Stava seduta guardandosi le mani abbandonate pigramente in grembo. A vederla così di lontano, pareva una figuretta esile, fragile, una vecchina triste e sola, ma lei non era nè triste nè sola. I suoi ricordi le facevano compagnia ed ogni giorno la tornavano a trovare le persone che un tempo aveva amato e che ora erano soltanto memorie.
Teresa Torrelli amava restare lì, ferma, a guardarsi le mani che ora non portavano più i segni della sua esistenza passata, non mostravano callosità nè cicatrici a testimoniare il duro lavoro, ma un groviglio di vene e di pieghe diventate solchi profondi, ora pallide, quasi traspsrenti.
Le piaceva pensare che quelle mani non le appartenessero, ma fossero lì per caso, come uccelletti posati in grembo, e le piaceva immaginare il pensiero di un osservatore sconosciuto che cercasse di indovinare la sua vita attraverso le sue mani. Cosa avrebbe immaginato quello sconosciuto? Che lei era una signora benestante, viziata, che poteva permettersi il lusso di trascorrere le sue giornate in ozio davanti a quell'azzurro mare? Povero estraneo, non sapeva nulla di quelle mani che avevano stretto corpi, asciugando lacrime, che erano state decise, e talvolta persino violente. Teresa sorrise. Era stata amata, qualche volta; era stata necessaria, ad alcuni, aveva conosciuto molte persone, ma non era mai stata viziata, nessuno l'aveva mai coccolata, o meglio, aveva cercato di capirla. "E' così forte" dicevano di lei. Come se lei non avesse mai avuto bisogno di un conforto, o di posare il capo su di un petto amato. E lei non era nemmeno felice, il suo era autocontrollo, discrezione. Tutta la sua vita era trascorsa senza ostentazioni, anche il suo dolore. La sua vitalità di un tempo, la sua allegria non eranoaltro che una maschera sotto la quale confondere tutti quelli che le si avvicinavano; soltamnto adesso a guardarla negli occhi si vedeva una malinconia umida velarle lo sguardo.



Una brezza leggera soffiava a tratti dal mare. La casa sulla riva era la sua casa, quella per cui aveva lottato, anche quando la vita era stata dura con lei, anche quando pensava di non poter sopravvivere.
Era una costruzione Liberty, ornata sulla facciata da grappoli di fiori dipinti. Il grande giardinofiniva là dove cominciava la spiaggia; al centro del giardino, il pozzo carico di gelsomini fioriti spandevano per l'aria il loro intenso profumo.
Teresa sospirò ed assaporò questo profumo che le riportò alla memoria altri odori antichi, ormai sepolti nella sua mente.
Un tempo, alle feste, aveva ricevuto dei fiori, adesso tutto questo era sbiadito, come svanito nell'aria. All'improvviso Teresa alzò gli occhi dal suo grembo ed il suo sguardo si perse nell'azzurro intenso del mare, la sua mente vagava già lontana, lo sciabordiodelle onde arrivava fino a lei che sorrise piano, sorrise di sè, degli altri, e di quello scherzo crudele che è la vita.
Sospirò e rimase così, immobile,finchè le ombre del giorno si fecero più intense, i contorni delle cose meno precisi e l'aria divenne più fresca.

 





 





Margherita Abrile

LO SCIALLE

editore FABIANO
edizione 1999
pagine 104
formato 15x21
brossura
tempo medio evasione ordine
ESAURITO

10.00 €
10.00 €

ISBN : 88-87333-15-7
EAN :

 
©1999-2019 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com