motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
I LUOGHI DELLE CURE IN PIEMONTE
Medicina e architettura tra medioevo ed età contemporanea
Il volume descrive le istituzioni ospedaliere in Piemonte come centri dell'innovazione e dello sviluppo di diverse discipline e dei loro campi applicativi e come luoghi di creazione e di trasmissione della conoscenza. Medicina, nelle sue diverse declinazioni: cura, ricerca e insegnamento; chimica e farmacologia; teoria architettonica e costruzione di grandi fabbriche. Sullo sfondo le vicende religiose, politiche e sociali degli stati sabaudi prima e dello Stato nazionale poi, che si intersecano con il tema della malattia. Si avvale del contributo di specialisti di storia della medicina e della psichiatria, della scienza e delle istituzioni, dell'architettura e della città per tracciare un quadro che comprende otto secoli di battaglie contro il male e una varietà di soluzioni che vedono l'Università protagonista del rapporto con il territorio, della ricerca scientifica e della trasmissione di cultura e di scienza.
Il volume è pubblicato nell'ambito del Sesto Centenario dell'Università degli Studi di Torino.

PRESENTAZIONE

Con questo volume la Scuola medica torinese apporta un contributo originale e spiccatamente interdisciplinare alla celebrazione del sesto centenario dell'Università degli Studi di Torino. Nei Luoghi delle cure sono individuati e studiati le strutture e gli ambiti ma, soprattutto, le sedi della attività di assistenza caritatevole che ha radici nel medioevo, divenute successivamente sedi dell'insegnamento e della pratica delle arti sanitarie.
La lettura di questi saggi ricorda come lo Studium torinese diede solide basi a una tradizione di docenza della medicina e della chirurgia, iniziate già nel Duecento a Vercelli e Santhià, proseguite poi nei secoli assumendo, non di rado, posizioni di spicco nel panorama italiano ed europeo. Assistiamo poi alle vicende del Settecento, con la grande riforma universitaria, e dell'Ottocento, che vide la nascita della Facoltà moderna, la creazione delle cliniche e lo sviluppo della scuola scientifica positivista, che diede al nostro Ateneo uno slancio che è ancora di stimolo ai docenti di oggi.
Gli edifici hanno seguito il progresso della medicina e della chirurgia. Gli architetti hanno creato nel tempo luoghi di accoglienza spesso di elevato valore estetico e funzionale, seguendo con intelligenza le richieste che la scienza in evoluzione poneva loro; i medici hanno saputo individuare contesti di volta in volta consoni alla ricerca e al mantenimento della salute.
Il lavoro degli studiosi che hanno affrontato i diversi aspetti di questa lunga e importante storia permette di porre in luce vicende e figure che rivestono un ruolo primario nelle tradizioni e nelle esperienze culturali, scientifiche, artistiche e politiche di Torino e del Piemonte.
La medicina e la chirurgia si confermano discipline universitarie con una valenza più ampia della loro semplice applicazione a favore della salute e del benessere fisico. Questo volume, che si affianca ad altri, già editi o in fase di preparazione in occasione del sesto centenario, mostra infatti uno spaccato della società dai suoi aspetti più problematici ai più prestigiosi.
L'Università degli Studi di Torino è lieta che una delle sue Facoltà più antiche e prestigiose abbia saputo proporre una rilettura approfondita delle vicende passate, coagulando il sapere di studiosi di diversa estrazione disciplinare per portare a un risultato di grande prestigio scientifico.

Rinaldo Bertolino
Magnifico Rettore dell'Università degli Studi di Torino
INDICE DEL VOLUME

Rinaldo Bertolino, Presentazione
Giorgio Cosmacini, Introduzione

Tra medioevo ed età moderna
Pier Maria Furlan, La follia dalla Stultifera navis alla medicina
Carlo Tosco, Ospedali, strade e architetture
Enrico Lusso, Alle radici dell'assistenza di età moderna. Ospedali urbani dei secoli xiv e xv nel territorio storico delle diocesi di Torino e di Asti
Marco Frati, Spazi medievali di accoglienza.
Ospedali urbani e rurali lungo le strade fra le Alpi e il mare


L'Ancien régime
Patrizia Chierici, Le fabbriche «a beneficio dei poveri infermi». Architettura, funzione, immagine allo scadere dell'Antico regime Laura Palmucci Quaglino, «La povertà in trionfo». Tempi e modi del «chiudimento» dei mendicanti nello stato sabaudo di Antico regime
Elisabetta Chiodi, "L'arte della cura" a Racconigi, tra filantropia e "buon governo" sabaudo
Maurizio Momo, Donatella Ronchetta Bussolati, L'Ospedale Maggiore di San Giovanni Battista e della Città di Torino
Alessandro Bargoni, Studiare la medicina a Torino dall'istituzione delle cliniche alla nascita delle specialità
Dino Carpanetto, I luoghi del sapere, i luoghi della cura. La medicina piemontese nel secolo dei Lumi
Marco Galloni, Fulvia Zina Vignotto, Le arti del medico e del chirurgo nel Settecento

L'Ottocento
Elena Dellapiana, Sistema sanitario e luoghi di cura, medici e architetti in Piemonte tra Napoleone e la Restaurazione
Serenella Nonnis Vigilante, Per una storia dell'ospedale Amedeo di Savoia di Torino nei secoli xix-xx
Vittorio A. Sironi, I luoghi della terapia: Giovanni Battista Schiapparelli e la scienza dei farmaci in Piemonte nell'Ottocento
Marco Galloni, Fulvia ZinaVignotto, Medicina e chirurgia nell'Ottocento piemontese

Il Novecento
Guido Montanari, Lotta alla tubercolosi e architettura contemporanea
Laura Milan, La Città di Torino e il San Giovanni "nuovo"
Pier Maria Furlan, Sei secoli di psichiatria torinese


 

Elena Dellapiana - Pier Maria Furlan - Marco Galloni

I LUOGHI DELLE CURE IN PIEMONTE

editore CELID
edizione 2004
pagine 356
formato 23x30,5
plastificato con sovracoperta a colori
tempo medio evasione ordine
ESAURITO

45.00 €
45.00 €

ISBN : 88-7661-622-5
EAN : 9788876616228

 
©1999-2022 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Cell +39 3490876581
Spedizioni corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
ebussi50@gmail.com