motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
LA MIA VITA CON FAUSTO
Dal diario intimo di Bruna Coppi moglie del Campionissimo per tutta la vita
"...Marina - proseguii - sono anni, ormai, che non vediamo spesso il papà. Lui viaggia sempre, è sempre in giro per correre. Pensiamo che sia ancora così. Lui non è morto. E' lontano, lontano a correre e a vincere..."

PREFAZIONE


Le dita di Luciana Rota, che sono poi quelle del padre Franco, ci raccontano una storia di Fausto Coppi in cui il Campionissimo, una volta tanto, non si rivela l'indiscusso protagonista. È Bruna Ciampolini, sua moglie, ad imporsi "per distacco" all'attenzione del lettore grazie all'invincibile amore mostrato per il marito. Dal primo casuale incontro lungo la statale per Cassano Spinola all'ultimo sorriso in punto di morte. Un amore così forte da indurla a perdonare il marito un istante dopo aver saputo del tradimento. Un amore così forte da illuderla, sino alla fine, del suo ritorno. Un bene puro e silenzioso come forse oggi non sarebbe più possibile, ma che proprio per questo ci riporta ad una dimensione dei buoni sentimenti di cui non possiamo più fare a meno.
Di cui non vuole fare a meno l'autrice, il cui amore per il padre e per il ciclismo pervade tutta l'opera che senza limiti temporali ci regala aneddoti ed emozioni a due "Rota".

UN RACCONTO IN BIANCO E NERO

Ti chiamano Rotina. Anche adesso, alla tua età, che tenti di nascondere dietro due lunghe codine e un cappello che ti ha intrecciato, lana dopo lana, l'adorata multa, soprannome mezzo teutonico di tua madre. Dal tedesco mutter, al fanciullesco mammutta. Che con la tua mania di abbreviazioni (meglio storpiature), è diventato "multa".
Ti chiamano Rotina da quando eri ragazzina e sei andata in Gazzetta, dal Direttore, per offrirti come collaboratrice delle pagine rosa dedicate allo sport milanese. C'era Franchetti. C'erano Ciuchi e Castelnovi: erano i tuoi eroi nell'acquario dei capi. Sognavi di diventare una di loro. Magari all'Equipe, ma ti saresti accontentata della Rosea. Con cui tu, ventenne, vantavi una collaborazione.
C'era qualche praticante che ti sorrideva più perché eri una ragazza carina e gentile che per quello che scrivevi. E per come lo scrivevi: spesso con troppi fronzoli e un eccesso di poesia. Ma era a te, poi, che assegnavano i pezzi strappalacrime: ti eri quasi costruita un genere. Un piccolo spazio. Da usare battendo di nascosto le tue righe su quei fogli sottili, le cartelle rosa della Gazzetta dello Sport, impaginate con il logo della testata e con le righe numerate per non "pisciare troppo lungo". Come si dice in gergo. Ti bastava infilare il foglio nel rullo della macchina da scrivere, picchiettare a quattro dita, per sentirti una di loro.
INDICE

Prefazione

UN RACCONTO IN BIANCO E NERO
IN TREPIDA ATTESA

STORIA DI UNA FAMIGLIA, DI UN CAMPIONE

CADUTE E DOLORE

FINO ALL'ULTIMO CHILOMETRO

TOUR DE FORCE

PAURA DI BARTALI

TRAMONTO ROSA

SOGNI INFRANTI

INCONTRI SEGRETI

ADDIO PAPÀ




Luciana Rota

LA MIA VITA CON FAUSTO

editore DANIELA PIAZZA
edizione 2010
pagine 216
formato 16x22
plastificato con alette
tempo medio evasione ordine
2 giorni

17.00 €
17.00 €

ISBN : 978-88-7889-240-8
EAN : 9788878892408

 
©1999-2022 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Cell +39 3490876581
Spedizioni corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
ebussi50@gmail.com