motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
PESTE A TORINO
La città durante il contagio
Trattato della peste, o sia contagio di Torino dell'anno 1630. Descritto dal Protomedico Gianfrancesco riochetto, è un documento di grande interesse storico, soprattutto per le appassionanti vicende che hanno come scenario la città subalpina nel XVII secolo.
Un libro che viene dal passato diventa motore di ispirazione letteraria, base di ricerca e indagine, capace di riprendere parola con un linguaggio semplice, diretto e moderno: adatto a tutti i lettori desiderosi di saperne di più sulla grande pandenaia che nel 1630 sconvolse parte dell'Italia settentrionale, travolgendo la capitale piemontese.


LA PESTE...


In questi nostri tempi in cui parole come pandemia e contagio sono ritornate prepotentemente nella società, anche l'immagine della peste ci sembra meno lontana dí quanto avevamo creduto fino ad oggi. Certo sono cambiate molte cose, però quel brivido forte che via via si fa devastante e che accompagna la nostra consapevolezza di essere fragili creature in balia di nemici piccolissimi, invisibili, i batteri, ci fa sentire indifesi e privi di difese.
Anche questo status angosciante, nella sua drammaticità, si riporta ai tempi in cui, seguendo uno scadenziario difficile da prevedere, la peste faceva ritorno tra gli uomini mietendo migliaia di vittime, devastando le società, distruggendo non solo le vite, ma polverizzando le strutture portanti della civiltà che era attaccata non solo sul piano fisico, ma anche su quello etico e morale. Infatti, la certezza di essere vittime del contagio conduceva spesso ad abbandonare la moralità e la pietà, abbandonandosi ai più bassi istinti, alle più bieche istanze della corporalità.
Dí contro vi furono persone che colsero quel drammatico momento per dare il meglio di sé, per cercare di correre in aiuto ai sofferenti, per provare ad abbattere quel mostro invisibile che colpiva l'uomo nel corpo e provava a smembrarne anche l'anima.
Una di queste persone fu certamente Gianfrancesco Fiochetto, protomedico torinese al tempo della peste. Un uomo e uno scienziato che, in linea con i modelli culturali e scientifici della sua epoca, cercò di capire la peste e di raccontarla, per fare in modo che le future generazioni potessero provare a combatterla e non dovessero subirne le incontrollabili ire come era accaduto da sempre.
Prima di entrare nel merito delle memorie lasciateci dal protomedico Fiochetto, crediamo possa essere utile osservare globalmente che cosa fu la peste.
Già nell'antichità, l'uomo ha cercato di conoscere le cause della terribile malattia chiamata peste. Una patologia contrassegnata da caratteristiche tali da renderla facilmente aggredibile dalle illazioni del mito, diventando non solo una malattia secondo la classica accezione del termine, ma la manifestazione di una potenza quasi soprannaturale e diretta alla distruzione del genere umano.
La non conoscenza della sua origine ha ulteriormente contribuito a renderla carica di valenze inquietanti e correlate alla sfera dell'immaginario.
"Non posso in carta spiegargli la calamità di questa nostra città di Torino non ritrovandosi più alcun vivo che maneggi le cose del pubblico essendo tutti morti, e si stima per felice quel giorno quando non ve ne moja più di duecento, e son tanti li morti che non si pol dar sepoltura, sì che ín ogni contrada della città si vedono cadaveri fetidi e puzzolenti". Questo è un frammento di una lettera che padre Michel Angelo, frate cappuccino, scrisse da Torino il 16 agosto 1630, mentre infuriava la peste.
[..]
INDICE

La peste...

Gianfrancesco Fiochetto protomedico

I "segni" della peste

"Governare" la città

Cronache della peste

Lo spettro degli untori

Eroi e sciacalli

La lotta contro il contagio

Modo di curar il morbo pestifero

Appendice

Bibliografia




Gianfrancesco Fiocchetto

PESTE A TORINO

editore IL PUNTO - PIEMONTE IN BANCARELLA
edizione 2010
pagine 160
formato 11x17
brossura
tempo medio evasione ordine
ESAURITO

7.00 €
7.00 €

ISBN : 978-88-88552-67-5
EAN : 9788888552675

 
©1999-2022 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Cell +39 3490876581
Spedizioni corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
ebussi50@gmail.com