motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
IL RAGAZZO AL FULMICOTONE
Guerrino Nicoli, una storia partigiana
NOTA INTRODUTTIVA

Tutte le forze partigiane sono entrate in azione nella notte dal 25 al 26 giugno. Le forze dell'alta valle hanno agito secondo gli ordini prestabiliti, mentre quelle della media valle bloccavano la importantissima stazione di Bussoleno. [..] Le informazioni partigiane del versante nord attaccavano la polveriera di Avigliana, fortemente presidiata, sostenendo un attacco che ha durato oltre sei ore. Le perdite sono lievi [da] ambo le parti. [..] Va rilevato il fatto che, per la prima volta, le forze partigiane attaccavano contemporaneamente il nemico, prendendone noi l'iniziativa.

Con poche e asciutte parole, lunedì 26 giugno 1944, il giorno della grande operazione coordinata fra le unità della Resistenza che operavano nella Valle di Susa e nelle zone limitrofe, fino alle porte del capoluogo piemontese, il comando dei garibaldini fornì il primo resoconto di un impresa messa a punto con entusiasmo, ma in modo sommario, e acui i distaccamenti partigiani avevano contribuito in diversa misura. Prescindendo dallo stile e dal lessico un po' incerti, la sintesi coglie aspetti che vanno al di là della specifica operazione, evidenziando come le forze che si misuravano ogni giorno coi tedeschin e i loro alleati fossero riuscite a coordinarsi per un obbiettivo comune. In realtà, fin dall'indomani, le polemiche più aspre avrebbero opposto le unità partigiane della bassa Valle di Susa a quelle della vicina Val Sangone, interrompendo un processo d'intesa che sembrava dovesse produrre esiti più che positivi.
Fra le perdite dichiarate «lievi» figura il comandante della 41a brigata Carlo Carli, Eugenio Fassino (Genio), ferito a una gamba e prigioniero del nemico. A terra, privo di vita, non lontano dalla stazione di Avigliana, i militi SS rinvennero un ragazzo diciassettenne, Guerrino Nicoli, nato a Chivasso e residente a Settimo Torinese, operaio delle Ferriere Fiat, fuggito di casa pochi mesi prima per unirsi ai partigiani: una fotografia lo ritrae su una sorta di branda, ricomposto alla bell'e meglio da mani anonime, con una croce e un fiore sul petto.
[..]
INDICE

Presentazione
Nota introduttiva
Abbreviazioni

CAPITOLO I
Chivasso, 12 agosto 1927

CAPITOLO II
«I bimbi d'Italia si chiaman Balilla»
[..]

CAPITOLO III
Conoscere il mondo

CAPITOLO IV
La guerra
IV.1 - La famiglia Nicoli nei primi anni Quaranta

CAPITOLO V
Dalla fabbrica alla montagna

CAPITOLO VI
«Noi siamo i baldi garibaldini»

CAPITOLO VII
«E l'intrepido Balilla...»
VII.1 - Inno della 41a brigata garibaldina Carlo Carli

CAPITOLO VIII
Avigliana, 26 giugno 1944
VIII.1 - Organigramma semplificato del primo reggimento delle SS italiane

CAPITOLO IX
Il balilla e il capitano

CAPITOLO X
«Usque ad finem et ultra comites»
X.1 - 16 marzo 1956: la motivazione con cui il presidente della Repubblica, Giovanni Gronchi, insignisce Guerrino Nicoli della medaglia d'oro al valore militare.

Fonti e bibliografia

Indice dei nomi




Silvio Bertotto

IL RAGAZZO AL FULMICOTONE

editore CENTRO STUDI PIEMONTESI
edizione 2005
pagine 228
formato 15x21
brossura
tempo medio evasione ordine
8 giorni

13.00 €
11.70 €

ISBN : 88-8262-042-5
EAN :

 
©1999-2022 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Cell +39 3490876581
Spedizioni corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
ebussi50@gmail.com