motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
REUSA COCON-A
Pòesie Piemontéise

INTRODUZIONE

Forse occorre "lo sguardo da lontano" di Lévi-Strauss (ma il participio originale éloigné esprime meglio l'allontanamento avvenuto) per affrontare la poesia che circola dentro casa: uno sguardo sgombro da partiti presi, estraneo, fatto di pura volontà di conoscere. In questo modo il dialetto, in particolare il vercellese, (non il torinese, già avvezzo a qualche nobiltà letteraria) può apparire una lingua sconosciuta i cui suoni, le cui etimologie rivelano, sorprendono, perforano. In questo modo, , e in un momento in cui la poesia in dialetto occupa un suo spazio riconosciuto nella molteplicità delle produzioni letterarie, i fogli mai stampati di una poetessa scomparsa possono apparire come un richiamo forte, inconsueto a cui bisogna prestare attenzione. Allora ci si rende conto che non vale per la poesia, o non necessariamente, una regola che vale per tutte le altre arti e per gli eroi dei miti e delle fiabe: allontanarsi da casa come funzione essenziale per "divenir del mondo esperto" e per accrescere, attraverso il confronto e la messa in discussione di sé, la propria maturità personale e artistica. Forse questa funzione non è essenziale alla poesia, come potrebbe dimostrare in modo esemplare Emily Dickinson.
Per il poeta, i libri bastano all'esperienza del mondo, e la lettura e l'esercizio della scrittura bastano all'apprendimento e al perfezionamento del linguaggio poetico.
Queste tre premesse (lo sguardo éloigné, il dialetto come lingua nuova o straniera, l'isolamento e quasi l'occultamento del poeta) mi sono necessarie per avvicinarmi a Elena Carasso: de près et de loin, insomma, in doppia, simultanea e mutevole prospettiva. [..]

 

INDICE

Introduzione di GIUSI BALDISSONE
Nota alla presente edizione
Bibliografia


MEMORIA E DEDICA
La bija
Reusa cocòn-a
D'la fnestra
T'eri n'àngial grev
Anco' na vòlta
son mi
J'è semp quaicòs atorn
Sa t'at fèissi sogné
Passiensa
I so ch'a sarà vera
Anche par noi
Sa vita piansolenta
Benedìa
L'amis
A testa bassa
La tò passiensa
La fnestra parpaiòla
'L rasgneu
La ciapela
'L pianzi
Quand un pòvr'òm Lo varda

POESIE SPARSE
Pùbji lòchi
La strìa dal Gimbel
Bojuss 'me 'l Limbo
I veuò pu nen s-ciarèti
'L cordin
Ti 't non fà nen dla pianta
Ij giudé 'd San Barnardin
Nen àut che col ben
Capëtt
Marògna
'Ntrucand-ti
Con na sbuf ansigos
'L pontel dla vigilia
La fior gialda
Va là, va là...
L'Angelus
Dolor
Sa la fà ij ciochin
Memòria
Sa facia (al Padreterno)
'L sògn
Giovantù
La barchëtta
La gnacia
L'armagnach
San Cicotin
Par feti contenta
Quand i morró

Varséj, la lun-a e 'l Pino
'L Giardinëtt daré la Prefetura
La valis
Salut
Minou dla bela piòta

POESIE INEDITE
La piovëtta dossa dossa...
La competensa
'L compromess
Oh che bel cagnëtt! l'è tut 'n rissolin
'L fiòch bleu ciar
Scarpa frusta
Tant 'me mòrt d'in cirigon
Cola pàgina
Ah, se col di noi...
La dòna, la ca
'L beu

Note di GIUSI BALDISSONE
Postafazione di GIOVANNI TESIO




Elena Carasso

REUSA COCON-A

editore CENTRO STUDI PIEMONTESI
edizione 2000
pagine 127
formato 18x25
brossura
tempo medio evasione ordine
8 giorni

13.00 €
11.70 €

ISBN : 88-8262-096-4
EAN :

©1999-2022 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Cell +39 3490876581
Spedizioni corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
ebussi50@gmail.com