motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
A SON PEUI MACH CANSON
PRESENTAZIONE

1. In principio, come sempre, è la ferita. Un'idea di città che non esiste se non nel bruciore del ricordo, il sentimento di un'età che appartiene alla piccola cosmologia degli affetti inventati, alla nostalgia di un'origine favolosa: quella dell'infanzia a cui sempre si torna. Bastano pochi versi a rendere esplicito il sentimento della perdita, anche se compensata dll'orgoglio di sprigionare - grazie alla testimonianza artistica - gli ultimi bagliori di un'appartenenza (di una sopravvivenza) imperdonabile, come in Garino: "sugnavo una sità/ ch'a viv fòrse mach pì 'nt el recòrd ratà/ dle toe prime tèile, e 'n chèiche mie canson".
Di Giuseppe (per l'anagrafe) Farassino, classe 1934, esiste una vulgata cittadina che non distingue la parte del tutto, il creatore dalle sue creature. Impastando epica ed elegia, la fisionomia ci mette del suo. Nel traffico di un viso largo e baffuto, nel delfino tatuato sull'avanbraccio sinistro come se fosse quello di un marò o di un légionnaire, nelle mani forti che addomesticano il sigaro, nell'energia che in scena s'impone con la stessa necessità di un temporale, sembra di riscontrare i tratti di un'identità profonda da cui tutto il mondo procede. E anche se poi lui - per tutti Gipo - ha imparato a domare gli impulsi primari e a sfumarne (anche se non a levigarne) i contorni a colpi di sgorbia, quel mondo non cessa di urgere, di "dittare" i suoi desideri, come in Cor nen va pian ("Podèj torné/ per un moment masnà,/ podèj torné/ a core 'n mes dla stra [...]"), uno dei primissimi testi. D'altra parte il dettato diventa addirittura esplicito in Mè bel amor: "[...] a j'é sempre 'n pòst lontan/ 'ndoa a nass l'ispirassion,/ l'é la vos dla mia infansia/ la mia vera religion [...]".
Una Torino di barriera che non c'è più ma che c'è stata. Quella che da cronaca è diventata favola, come nel refrain di Mè borgh: "Ah! Che borgh anvelenà.../ Ma a l'é 'l borgh andoa son nà...".
Quella dei personaggi più refrattari e irriducibili, come il protagonista di Barrierante's night, che vive nella nostalgia di un'antica camaradeire fissata in nomi tra dialetto e fumetto (Bleck la jena, Beppe naviga, Francon). O come il Lice della canzone Teste parèj. O come Giovanass, il re dei bocciatori, che va a bocciare in paradiso. O come Amos, uno degli "strani" d'osteria. O come Pierin, Vincens, Donà, i "somà" (gli amici) di Porta Pila in Camila. [..]

INDICE

Presentazione, Giovanni Tesio

El 6 ed via Coni
Meri
Cor nen va pian
Amos
La Mudaja
De dlà dal pont dla ferovìa
Sangon blues
Ma mi sai mach
Matilde Pellissero
Camila
Pito e cincilà
Bon-a neuit ai làder
Salòpa
La bela famija
Montagne del mè Piemont
Campagna
Pòrta Pila
El trenin ed Leynì
Veuj compreme na cassin-a
L'hai capì bin?
Ij bombon
Ij marsian
Ente Turismo
La Tèra
Cita
La balada del ruscon
Garino
Gipo a Paris
Je suis cioch ce soir
Mè testament
Lasseme sté
Giovanass
Teste parèj
El tolé 'd Civass
An sla stra del Pin
Mè borgh
Col di
Mè bel amor
Ij borgianen
Angiolina
Requiescant
Per Valentina
Tèra 'd Piemont
El paisan
Tango se-mai
Per el decòro dla sità
El dehòrs del marghé
El temp dle fior
Ij mè amor dij 20 ani
Piemontèis
Barrierante's night
Mia solitùdin
Sta libertà
Turin 78
El bar die specc
La principessa Sukay Peté
Turin bel cheur
Serenada a mama
Tant per cambié
Alessandria Street
La fomna 'd Gustin
Maria dij gat
Nina
Stassèira

La grafia piemontese moderna





Gipo Frassino

A SON PEUI MACH CANSON

editore CENTRO STUDI PIEMONTESI
edizione 2002
pagine 170
formato 18x25
brossura
tempo medio evasione ordine
ESAURITO

15.00 €
15.00 €

ISBN : 88-8262-026-3
EAN :

 
©1999-2022 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Cell +39 3490876581
Spedizioni corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
ebussi50@gmail.com