motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
TURISMO NELLE ALPI
temi per un progetto sostenibile nei luoghi dell'abbandono
Turismo, Alpi, sostenibilità, progetto, luoghi dell'abbandono: sono le parole chiave di un libro che legge la montagna nelle sue differenze, nelle sue complessità locali, nella varietà dei temi, e che invita a pensare al meraviglioso e vario palinsesto della montagna come patrimonio non solo prezioso e ineludibile, ma evocativo, formante, contemporaneo. Il volume nasce da un convegno pensato per dare continuità alla fase della pura conoscenza, per anticipare e informare sulle possibilità, già in atto, vicine a noi, per indicare temi e modelli su cui lavorare per un turismo sostenibile. Monachesimo e insediamenti nelle Alpi, fortificazioni alpine, terme e turismo, agricoltura e alpeggi, edilizia montana nelle alte valli, sono i temi di un incontro che sceglie di partire da casi concreti con esiti rilevanti per il recupero e la valorizzazione del patrimonio architettonico e paesistico alpino, in una prospettiva per l'architettura ampliata non solo al paesaggio, al contesto e alla storia, ma anche ai processi di riequilibrio territoriale, all'elaborazione di politiche turistiche integrate in un processo di sostenibilità delle risorse, di qualità ambientale e insieme sociale, a nuovi "stili di vita". Una catena di fatti e luoghi, di opere realizzate e presentate direttamente dai protagonisti: il nuovo insediamento monastico a Pra 'd Mill, i recuperi del Forte di Bard e del Forte di Exilles, l'intervento d'arte di Richard Long a Vinadio, le esperienze di "hotel diffuso" e di agriturismo. Casi che portano l'attenzione su temi strategici per il recupero dei luoghi dell'abbandono e su nuove forme di turismo durevole. Il convegno e il libro tentano anche di collocarli in una cornice storica trasversale, nel tempo ma anche nello spazio, che apre alla rilettura critica della recente architettura alpina per il Piemonte occidentale, alla storia degli insediamenti monastici come importanti fattori di modellazione del paesaggio e alla riscoperta di uno straordinario e imponente patrimonio di architetture fortificate. Una cornice che si amplia a inediti studi storici su modelli di turismo tardo-ottocentesco - legati particolarmente al tema delle acque, alla storia delle élites o della protoindustria alpina - e alla presentazione dei lavori di ricerca sull'edilizia alpina delle alte valli come occasioni per una riflessione su un possibile recupero. Il volume, che si chiude con la sezione "Disegni e Progetti", è corredato da inedite fotografie a colori sulla varietà del paesaggio alpino.

PRESENTAZIONE
LORENZO MAMINO

Occorre dire perché ancora un convegno sulla montagna. Lo dobbiamo ai nostri allievi; lo dobbiamo a chi oggi è stato attirato qui dal titolo, un po' ammiccante, del convegno. In effetti non interessa tanto il "turismo nelle Alpi" quanto la domanda, non accademica perché sempre più pressante, di sapere quale sarà per il futuro l'utilizzo di una fascia di territorio che per la provincia di Cuneo è di circa un terzo, quello delle "terre alte", del territorio esteso, utile un tempo a esistenze che avevano nella pastorizia e nell'agricoltura la loro ragione d'essere e che oggi sono in completo abbandono.
Il convegno vorrebbe tentare di dare informazioni sulle tendenze già in atto, che non sono il turismo e le scampagnate domenicali ma permanenze o interessi più continuativi, capaci di riportare in quota presenze attive, responsabili, capaci di invertire una tendenza.
Il corso di laurea in Architettura con sede a Mondovì è da tempo impegnato in un tentativo di conoscenza delle aree dell'abbandono. Sta andando avanti, a tappeto, un censimento delle presenze in alta montagna, presenze edilizie ma anche presenze umane e un tentativo di indagine e di raccolta delle particolarità culturali che hanno informato e retto le costruzioni in aree di pura sopravvivenza.
Della cultura che ha prodotto gli edifici di montagna non abbiamo documenti scritti. Dunque, rispetto ai nostri meccanismi di indagine storica, essi sono caratterizzati da poche certezze. E, in più, tra non molto, la cultura che li ha prodotti sarà finita per sempre perché anche le testimonianze orali di questo mondo saranno finite.
Oggi si possono ancora interrogare gli ultimi residenti-costruttori sopravvissuti. Oggi è ancora possibile vedere e misurare edifici presenti nelle nostre valli da cento e più anni e rimasti inalterati a motivo dell'abbandono. Edifici e costruttori che tra poco non ci saranno più.
Essi sono essenziali per la ricomposizione della nostra cultura e della nostra storia. Sono interessanti come prova di un modo di costruire autentico, schietto, quasi dimenticato, essenziale, economo, diretto a produrre spazi tutti strettamente indispensabili. Dunque non una cultura rozza li ha prodotti, ma una cultura diversa dalla nostra.

INDICE

Presentazione, Lorenzo Mamino
Progettare per un turismo sostenibile, Daniele Regis

PAESAGGI E ARCHITETTURE
Immagini di Daniele Regis

INSEDIAMENTI MONASTICI NELLE ALPI
Fratel Cesare Falletti
Pra 'd Mill. Il ritorno dei monaci cistercensi
Maurizio Momo
Il monastero di Pra 'd Mill
Paolo Edoardo Fiora di Centocroci
Continuità e attualità del monachesimo nelle Alpi

FORTIFICAZIONI ALPINE
Pier Giorgio Corino
La valorizzazione delle fortificazioni in area alpina
Francesco Barrera
Fortificazioni alpine. Itinerari di recupero nei luoghi dell'abbandono: il forte di Exilles
Renato Permetti
Il forte di Bard
Dario Castellino
Passaggio in Valle Stura

TERME E TURISMO
Francesco Bonamico, Enrico Moncalvo
High life. Touristes e imprenditori nelle valli monregalesi nella seconda metà dell'Ottocento
Laura Palmucci Quaglino
Le Terme di Valdieri e di Vinadio: luoghi di cura e di svago nelle valli cuneesi

AGRICOLTURA E ALPEGGI NELLE ALPI
Gianni Costamagna, Lorenzo Mamino, Giovanni Rignon, Mario Sarotto
Agricoltura montana e recupero dei borghi abbandonati
Beppino Occelli
Conservazione e innovazione nelle produzioni tipiche alpine: il formaggio

ARCHITETTURA RURALE ALPINA
Lorenzo Mamino
La costruzione dell'Atlante dell'edilizia montana
Paolo Mellano
L'Atlante dell'edilizia montana in Valle Varaita
Daniele Regis
Recuperare i luoghi dell'abbandono: riflessioni sui paesaggi delle "caselle"

DISEGNI E PROGETTI
Laureati e studenti della II Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino, sede di Mondovì




Daniele Regis

TURISMO NELLE ALPI

editore CELID
edizione 2005
pagine 232
formato 17x24
brossura
tempo medio evasione ordine
6 giorni

20.00 €
14.00 €

ISBN : 88-7661-663-2
EAN : 9788876616631

 
©1999-2022 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Cell +39 3490876581
Spedizioni corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
ebussi50@gmail.com