motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
ULIVI
Come fotografare la natura?

Ulivi. Avvicinarsi fino a toccare con lo sguardo la superficie corrugata dei loro tronchi. Fino a penetrare tra le pieghe dei rami, nell'oscurità degli incavi. Fino a immergersi nel passato, nel tempo inscritto entro la vastità del tronco, nel colore della corteccia, nella forma dei rami nodosi. Ascoltare il tempo custodito nel suo corpo.
Non si narra forse che gli ulivi dell'orto di Getsemani siano tanto antichi da aver visto Gesù?
E poi ancora: allontanarsi di poco per abbracciare con la vista le loro chiome argentee, che seguono il passaggio del vento e assecondano il movimento del sole. Attendere l'inverno, la fioritura, la crescita delle olive e la loro spremitura. Avvertire la solidità nascosta delle radici, sentire la terra. Farsi abbacinare dal sole del Mediterraneo che penetra tra le foglie sottili.
Tramutare il corpo vivente dell'albero in fotografia. Tramutare la fotografia in un ritrovamento, in un percorso d'amore.
Durante questo suo lavoro Edoardo Romagnoli sembra essere stato condotto, guidato da una domanda persistente: in un mondo snaturato quale quello attuale, come fotografare la natura?
Molti fotografi colti, specie italiani - forse memori di Adorno, secondo il quale la riproduzione del bello naturale sarebbe solo una tautologia destinata a tradirne la bellezza; o forse convinti di dover raccontare solo gli aspetti più macroscopici della modernità - si sono cimentati soprattutto a fotografare città allargate e periferiche, bordi informi e terrain vague, metropoli e non-luoghi: hanno insomma evitato, o addirittura rimosso, ogni confronto con la natura.

Altri fotografi invece, più ingenui e sentimentali, si sono fatti sedurre da petali setosi e fiori in boccio, da tronchi corrugati e chiome luminose, cadendo nel "carino" e nel pacchiano della bella immagine patinata, fatta di belle luci e bei colori; senza accorgersi che la natura, reinterpreta in questa chiave romantica si trasforma paradossalemente nella parodia di se stessa, in qualcosa di artificioso.
Edoardo Romagnoli tenta un'altra strada: non rinuncia ad avvicinarsi e a immergersi nella natura, portandosi lonatno dai segni della modernità, da tangenziali e autostrade, da ville finta cascina e tralicci dell'alta tensione. Ma non si lascia banalmente irretire dalla bellezza superficiale delle forme e delle apparenze. E neppure "modernizza" le sue immagini con sfocati suggestivi e con mossi convulsivi per suggerire emozioni interiori o visioni oniriche.
Lasciandosi alle spalle gli stili e le mode fotografiche del momento, e senza farsi distrarre dal paesaggio mediterraneo, Romagnoli fotografa invece con semplicità, in modo diretto e pacato.
[..]





Edoardo Romagnoli

ULIVI

editore GRIBAUDO
edizione 2002
pagine 96
formato 19,5x19,2
cartonato con sovracoperta
tempo medio evasione ordine
ESAURITO

7.99 €
7.99 €

ISBN : 88-8058-210-0
EAN : 9788880582106

 
©1999-2022 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Cell +39 3490876581
Spedizioni corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
ebussi50@gmail.com