motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
VEZZOLANO
Guida alla Canonica Regolare di Santa Maria
PRESENTAZIONE di Aldo A. Settia

Fu alla metà del '600 che Vezzolano perse la sua identità originaria: sino allora, nel nominare i nuovi prevosti commendatari, gli scribi vaticani avevano parlato della "prevostura di Santa Maria di Vezzolano dell'ordine di S. Agostino"; dopo che nel 1631 il luogo passò dalla sovranità monferrina a quella sabauda si cominciò invece a designarla come "dell'ordine di S. Benedetto o di altro ordine", un ordine che nessuno si curò di precisare meglio. Nel '700 e nell"800 invalse così l'abitudine di indicare Vezzolano come "abbazia", né dell'improprietà si curarono gli autori che scrissero in quel periodo nonostante fossero informati che essa era stata una "prepositura de' canonici regolari".
L'opportuno ripristino della corretta denominazione è quindi recente e, aggiungiamo, ben lungi dall'essere un fatto puramente formale poiché Vezzolano ebbe origine dalle idealità religiose rimesse in valore dal movimento di riforma della Chiesa che si sviluppò nel secolo XI, e anche le opere d'arte prodotte nei circa due secoli della sua "fioritura" sono pienamente comprensibili solo se vengono collocate entro la specifica religiosità di una canonica regolare riformata.
Insieme con la tradizionale devozione mariana è appunto l'interesse per tali opere d'arte a convogliare oggi a Vezzolano un notevole flusso di persone che rende utile disporre di una guida aggiornata come la presente: in essa il "visitatore curioso" troverà innanzitutto una descrizione, sintetica ma assai accurata, delle opere d'arte, opportunamente inquadrate nel contesto storico che le ha prodotte e nell'ambiente naturale che le ospita. 11 linguaggio piano ed essenziale sa andare alla radice delle cose senza indulgere a velleità erudite e, aldilà dei caratteri puramente estetici e stilistici, cogliere l'essenziale di riposti significati teologici e simbolici propri della spiritualità canonicale; ci si spinge anzi sino a proporre al visitatore interessato i testi della regola "agostiniana" secondo la quale presumibilmente vissero a Vezzolano i canonici regolari di S. Maria, benché la mancanza di un'adeguata documentazione ci impedisca di conoscerla con sicurezza.
Si tocca così una delle incertezze - o, se si vuole, degli "enigmi" - di cui sono ampiamente intessute le vicende storiche, istituzionali, artistiche e architettoniche della nostra canonica. Il tentativo di fornire spiegazioni attraverso ipotesi ragionevoli ha anzi suggerito lo scherzoso e azzeccato interrogativo che Carlo Fruttero ha messo in bocca a un immaginario Sherlock Holmes sopraffatto dall'inopinato affollarsi degli "enigmi" insoluti: Santa Maria di Vezzolano "o non piuttosto Santa Maria delle Congetture?" (cfr. Santa Maria di Vezzolano. Il pontile. Ricerche e restauro, a cura di Paola Salerno, Torino 1997, p. 138).
Nella medesima circostanza, tuttavia, gli studiosi hanno fatto giustamente rilevare che congetture e contraddizioni "non appartengono al regno dei misteri, come talvolta si vorrebbe far credere, ma più semplicemente a quello di un contesto storico ancora per larga parte da indagare" (ivi, p. 135), e sempre allora venne aperta l'incoraggiante prospettiva di confrontare quanto già si conosce con i nuovi dati "scaturiti da campagne di scavo; nonché con le analisi dei materiali estese a tutta la chiesa" (ivi, p. 135): buoni propositi che ci auguriamo di vedere presto realizzati.

Aldo A. Settia
PREMESSA

Presentazione di Aldo A. Settia
Presentazione di Paola Salerno

1. La storia

1.1Il luogo
1.2 Invenzioni e false fondazioni
1.3 La riforma gregoriana e i canonici regolari
1.4 La fondazione
1.5 La vita della comunità
1.6 La fioritura
1.7 La decadenza
1.8 La rinascita e il restauro
1.9 il lavoro degli storici

2. La visita

2.1 Piante e pietre
2.2 Orientamento
2.3 La facciata
2.4 Il pontile o jubé
2.5 L'interno
2.6 11 chiostro
2.7 Gli affreschi
2.8 I locali di abitazione e di servizio

3. La Regola

3.1 Sant'Agostino e la vita conventuale
3.2 Il testo della Regola
3.3 Quale Regola nelle canoniche medioevali?
3.4 Ordo Monasterii
3.5 Praeceptum (Regola ad Servos Dei)





Maurizio Pistone

VEZZOLANO

editore EdiTO
edizione 2010
pagine 110
formato 15x21
brossura con alette
tempo medio evasione ordine
5 giorni

12.00 €
9.00 €

ISBN : 978-88-96435-02-1
EAN : 9788896435021

 
©1999-2019 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com