motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
6 Aris D'ANELLI
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z home page
 


Aris D'Anelli

è uno dei medici più noti e stimati di Asti.
Ha al suo attivo ben quarant'anni di servizio ospedaliero, svariate pubblicazioni sia in campo medico scientifico che in ambito culturale.
Questo personaggio della vita astigiana colpisce chi lo conosce, per la sua grande signorilità, che tuttavia non gli impedisce di essere una persona spontanea e semplice, dotata di grande umanità e di una cultura poliedrica e profonda.
La sua stessa vita è ricca di risvolti di grande interesse e fascino.
Nato in Etiopia nel 1924, vi ha trascorso la sua vita di bambino e ragazzo. Il padre infatti, lasciata la Marina Italiana, si trasferì in Eritrea a soli ventuno anni e qui iniziò l'attività di telegrafista. Questo "uomo che parlava con i fili" e che sapeva parlare perfettamente la lingua locale, l'amarico-arabo, seppe conquistare la fiducia sia degli italiani, sia di Hailè Sellasiè e questo lo portò a condividere la vita di corte, in un ambiente dorato ed aristocratico, pur restando a stretto contatto anche con la vita più vera ed umile dei villaggi.
Il ricordo che Aris d'Anelli ha di questi anni trascorsi in Etiopia ed Eritrea, è personale, ma è anche stato suffragato ed integrato dai ricordi e dalla testimonianza del padre, autore tra l'altro di una splendida collezione di fotografie da lui scattate durante gli anni vissuti in Africa. Sono ritratti di indigeni e di occasioni mondane a corte, attimi di vita privata con moglie e figli e celebrazioni, occasioni storiche e mondane allo stesso tempo. Alcune di queste fotografie compaiono sul libro "L'uomo che parlava con i fili", che Aris d'Anelli ha dedicato a suo padre, raccontandone la storia e gli anni in Africa. Il libro, autobiografico, è stato il primo pubblicato da d'Anelli ed è stato stampato nel 1994, anno in cui è andato in pensione dopo aver ricoperto per 23 anni il ruolo di primario della Divisione di Cardiologia dell'Ospedale Civile di Asti.
Dopo l'esperienza di vita etiope, d'Anelli inizia nel 1940 la sua vita astigiana. Laureato in Medicina e Chirurgia e specializzato in Cardiologia presso l'Università di Torino, egli esercita la sua professione presso l'Ospedale Civile di Asti e dà un forte contributo al reparto di Cardiologia, con l'istituzione della Sala Botallo.
Dal 1967 al 1978 è stato Presidente della Casa di Riposo "Città di Asti", un'esperienza che lui stesso definisce di grande valore e significato, a cui si è dedicato con tanta passione realizzando, negli anni della sua presidenza, un'intera ala dell'edificio.
E' stato inoltre presidente della sezione piemontese dell'Associazione Piemontese Medici Cardiologi Ospedalieri dal 1974 al 1980 e per due legislature ha fatto parte del Consiglio Regionale di Sanità.
E' stato consigliere dell'Ordine dei Medici della Provincia di Asti nel corso di ripetute legislature e Presidente dell'Ordine dal 1982 al 1984. Ha ricevuto inoltre la medaglia d'oro dalla Croce Rossa Italiana, con cui ha collaborato a lungo.
Nel corso della tragica carestia che ha colpito vari paesi dell'Africa, nel corso del 1985, ha svolto attività di volontariato prima in Zaire, poi in Etiopia, dove con alcuni mesi di intenso lavoro, affiancato da altri medici europei ha organizzato un ospedale. E' stata l'unica volta che è tornato nel paese che aveva lasciato da ragazzo. Un viaggio sicuramente emozionante, in condizioni totalmente diverse da quelle vissute nell'infanzia. Aris d'Anelli ha compiuto questo viaggio e questa missione con grande amore e con la sensazione di avere un debito morale da pagare verso questo paese in cui aveva trascorso anni felici e dorati. Questo soggiorno in Etiopia è stato un'esperienza importante, "indimenticabile e toccante" come lui stesso l'ha definita, svolta a contatto con i lebbrosi, in condizioni certamente non facili, con lunghe giornate di lavoro intenso che andava dall'alba al tramonto.
Attualmente lavora come libero professionista presso la Casa di Cura S. Secondo. E' autore di oltre un centinaio di pubblicazioni di carattere medico-scientifico ed è stato redattore della rivista scientifica medica "Astensia Acta Medica", fondata e diretta dall'allora primario di Medicina, il Prof. Angelo Galeone.
Su questa rivista veniva solitamente inserito un articolo sulla storia della medicina astigiana. Anche questo ha contribuito a suscitare l'interesse per l'aspetto storico della medicina nella nostra città. Già Bianco aveva scritto sulla sanità ad Asti, attraverso la storia degli ospizi della città. D'Anelli ha ripreso l'argomento nei volumi "Il cuore dell'antico convento" (1995), in cui ripercorre la vita ospedaliera attraverso ricordi personali ed aneddoti e "Un Ospedale Una Città" (1997). Il volume, attraverso le grandi personalità dei medici astigiani che hanno accompagnato la medicina della nostra città nell'epoca moderna, offre un vero strumento di studio per chi voglia occuparsi della storia della sanità in Italia.
Non bisogna inoltre tralasciare la passione che d'Anelli nutre per fotografia e cinema, che oggi ne fanno stimato docente di Storia del Cinema dal 1996 presso l'Università della Terza Età di Asti. Alle lezioni, frequentatissime, d'Anelli porta il suo contributo, costruito negli anni da una passione che non lo ha mai abbandonato e a cui si è dedicato sin dagli anni 40.
E' stato infatti fondatore, con Eugenio Guglielminetti, Roberto Marchetti, Giorgio Griffa, Giovanni Boano, Osvaldo Campassi, Pietro Cazzani, Ileana Ghione, Valerio Miroglio, Amelia Platone, Giuseppe Rosso e Giuseppe Villavecchia del movimento culturale "La Giostra", che tanta parte ha avuto nella vita culturale astigiana. Occupandosi di cinema, diedero vita ad un prestigioso Cineclub aperto a tutta la cittadinanza.
Ultimamente sono usciti il suo romanzo "Il duello mancato" (1999) e "La malinconia del Signor Conte" (1999), una interessante percorso nella vita di Vittorio Alfieri, studiato attraverso la sua autobiografia e il folto epistolario: un'analisi medica e psicologica del famoso Astigiano. Un racconto affascinante, che ci avvicina a Vittorio Alfieri, ma che ci aiuta ad apprezzare ancora di più la grande vivacità culturale di Aris d'Anelli, medico astigiano, ma anche romanziere, storico, esperto di cinema , di per sé lui stesso grande personaggio.

Aris D'Anelli, padre della Cardiologia astigiana, è morto a 90 anni il 17 novembre 2014.

a cura di Maria Grazia Cavallino


COME IL CINEMA HA RACCONTATO IL RISORGIMENTO
Dal tricolore a Porta Pia - Nel centocinquantesimo anniversario dell'Unit? d'Italia, viene proposto il racconto del periodo di storia compreso tra la fine della Rivoluzione Francese e la conquista di Roma
ed. PLATANO - 2010
pp. 120 - formato 16,5x23,5
plastificato con alette
18.00 € - 978-88-89277-38-6

CINE ROMANZO
Alla fine del 1800 inizia la straordinaria vicenda di Jean Andreani, nato in Italia ma emigrato ancora bambino a Lione, dove assiste alla nascita del cinematografo diventandone uno dei protagonisti. L'affascinante storia del cinema è ripercorsa in Francia e in Italia attraverso i grandi avvenimenti politici e sociali [..]
DANIELA PIAZZA - 2001
pp. 270
formato 13x21
brossura con alette
16.50 €
12.90 €

LA MALINCONIA DEL SIGNOR CONTE
Vittorio Alfieri da Asti malato non immaginario -  è questo uno studio medico accurato, per quanto è stato possibile condurre con testimonianze vecchie di oltre due secoli, per altro neanche registrate con i criteri scientifici di oggidì, sullo stato di salute psicofisico del trageda astigiano che è destinato a rimanere [..]
DANIELA PIAZZA - 1999
pp. 126
formato 13x21
rilegato con sovracoperta colori
13.00 €
11.10 €
©1999-2022 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Cell +39 3490876581
Spedizioni corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
ebussi50@gmail.com