motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autoriservizio segnalazione novità2014 Promozioni
Alcune proposte
PER COMMENTO E PER CHIOSA
Saggi, avvicinamenti e fantasie
Con Non altro che un chiosare (2011) Per commento e per chiosa compone un dittico ambizioso: proporre la sfida di una critica cross over, una critica "meticcia" che sappia unire i metodi dell'indagine linguistica e filologica con quelli della divulgazione e del giudizio di valore. Saggi scientifici e saggi più affabili e provocatori, le cui stelle polari sono Gianfranco Contini, Maria Corti, Giovanni Nencioni, Luigi Baldacci, da una parte; Giacomo Debenedetti, Cesare Garboli, Enzo Siciliano e Giovanni Raboni dall'altra.
Perché la critica sia una «festa dell'intelletto», ma anche memore di Charles Du Bos - il grande «idraulico» che «capta, convoglia, guida ed eleva le acque» della vita stessa.


L'annata di poesia 2003: per un profilo linguistico

1. Premessa

Prenderemo in esame, nelle pagine che seguono, un corpus relativo alle principali raccolte apparse nel corso del 2003 L'annata, pur nella convenzionalità della scelta e nel vario dispiegarsi delle voci, ci è parsa esemplare per il convergere di direzioni di ricerca produttive sul piano dell'iniziativa linguistica e dei risultati espressivi, confermando, nel tornante decisivo del millennio, le linee di tendenza rilevate sia dai contributi antologici sia dai contributi descrittivi più recenti'. Come ha scritto Enrico Testa: «dopo la programmatica e antiletteraria contaminazione della neoavanguardia, i commerci con l'ordine prosastico del discorso intrattenuti da Montale e Pasolini, la fruttuosa relazione con i generi del dramma e del racconto, attiva in tanti libri degli anni Sessanta, ora la poesia tende a riacquistare una sua specificità, una pronuncia ben distinta dalle altre forme della lingua».
Se si escludono infatti Cucchi e Baldini, ci occuperemo di poeti attivi a partire dagli anni Ottanta, con l'esigenza, condivisa anche se variamente atteggiata, di conciliare l'apertura al discorso comune e la salvaguardia di una precisa riconoscibilità dell'oggetto poetico (sarà una coincidenza il fatto che la distanza maggiore dal parlato si riscontri tendenzialmente negli autori apparsi negli ultimi anni - Italiano e la Leto soprattutto?). Concorrono a questo obiettivo tre strategie privilegiate: a) la creatività linguistica dà i frutti migliori in assenza di polifonia, forse per una sorta di dispotismo del Soggetto che fagocita i materiali più eterocliti e li manipola approdando a uno straniamento in cifra postmoderna (Valduga) o a un'espressionistica "teatralizzazione dell'io", assunto anche nella sua identità corporea (Bedini e Gualtieri) o ancora a un confronto-scontro col presente, che invita a uno sforzo di captazione supplementare (D'Elia); b) la sperimentazione linguistica è spesso stimolata da un incremento di costrizioni della forma, in primo luogo dal recupero della metrica chiusa. D'Elia e Valduga sono in buona compagnia, affiancati, fuori del nostro corpus e in ordine sparso, da De Signoribus, Frasca, Voce, Fo, ma anche, tra i maestri, Sanguineti e l'ultimo Raboni; c) nel dialogo coi modelli non sfugge il perdurare dell'eredità primonovecentesca, che rimette in circolo esperienze come l'espressionismo vociano o l'ermetismo, assorbite, con un diverso indice di vischiosità, da D'Elia, Gualtieri, Bedini, Lepori. Trova poi conferma il bilancio di Galavemi sul contributo della terza generazione, con apice in Caproni (per Lepori e De Marchi), Luzi (specie il più tardo, per Ricciardi), Sereni (per la Leto): «In Italia è stata la terza generazione ad assolvere il compito di traghettare la poesia dalla grande modernità al postmoderno.
[..]
INDICE

L'annata di poesia 2003: per un profilo linguistico
Reperti petrarchistici in alcuni dialettali del Novecento (Giotti, Marin,
Pasolini, Noventa)
Approssimazione alla prosa di Amedeo Giacomini
Atzeni e Stendhal
L'intervista ai politici
La linea borbonica: il caso Claudia Ruggeri
Su Quartine per Francesco. Un bambino in poesia di Giovanni Orelli
La poesia assassinata. Su avanguardia e tradizione
Il poeta assassinato. Il migliore D'Arrigo
Sinfonietta per Stefano Raimondi
PASOLINIANA
MEDLEY CRITICO
Riferimenti bibliografici
Indice dei nomi




Flavio Santi

PER COMMENTO E PER CHIOSA

editore JOKER
edizione 2013
pagine 134
formato 17x24
plastificato con alette
tempo medio evasione ordine
2 giorni

14.00 €
14 €

ISBN :
EAN : 9788875363260

 
©1999-2017 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com