motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte

LA RESISTENZA TACIUTA
Dodici vite di partigiani piemontesi

Questo libro riunisce le testimonianze autobiografiche, raccolte in interviste registrate, di dodici donne partigiane piemontesi: Nelia Benissone, Lucia Canova, Albina Caviglione, Anna Inanni, Teresa Cirio, Tersilla Fenoglio, Lidia Fontana, Rita Martini, Elsa Oliva, Rosanna Rolando, Maria Rovano e Maria Rustichelli. Chiamate dalla storia a combattere in un mondo in sfacelo, queste donne si esposero senza esitare a tutti i rischi della guerra partigiana. Nella massima parte non vollero imbracciare le armi, questo simbolo di prepotere maschilista, prendendo parte a pieno titolo alla Resistenza civile. Indipendentemente dai mezzi usati nella lotta, si distinsero dagli uomini per i modi e la qualità dela loro partecipazione. I valori e i caratteri del mondo femminile, sviluppatisi durante la millenaria soggezione e in risposta a questa, diedero anche alla nostra Resistenza una ricchezza che non avrebbe raggiunto altrimenti. Fra questi caratteri, come si potrà notare leggendo le vite delle intervistate, risaltano la spontaneità, il rifiuto del calcolo, il senso di giustizia, la capacità appassionata di amare e di soffrire, il rispetto della verità dei fatti e dei sentimenti ("avevamo paura", dichiarano alcune candidamente), la generosità comunicativa, la modestia, la pietà. Davvero una resistenza sofferta e taciuta.

PREFAZIONE

Non è un panorama storiografico grezzo e settario quello su cui va a collocarsi nel 1976 La Resistenza taciuta. Già dai primi anni sessanta si è incrinato il corto circuito politica/cultura che per un quindicennio ha impresso sulla ricerca il segno della contrapposizione sinistre/forze di centro; si è aperta così la strada, oltre che per la progressiva legittimazione della Resistenza come matrice dell'identità nazionale, per un grande sviluppo quantitativo e qualitativo degli studi. Certo non cadono le opzioni politiche; al contrario, sulla natura e sul colore della Resistenza l'urto è aspro, basta pensare al tema della Resistenza tradita. Ma si rafforza anche la discussione sul metodo, sulla periodizzazione, sulle categorie di lettura. Nelle decine di migliaia di pagine scritte nei decenni sessanta e settanta c'é, insieme a molta routine celebrativa, lo sforzo di costruire una nuova antropologia del resistente.
Il maschile è d'obbligo; a dispetto delle innovazioni, le donne restano un oggetto storiografico a dir poco secondario.
[..]

INDICE

Prefazione di Anna Bravo

La Resistenza taciuta

Introduzione di Anna Maria Bruzzone e Rachele Farina

Rosanna
Rolando (Alba Rossa)
Nelia Benissone Costa (Vittoria)
Albina Caviglione Lusso (Laura)
Teresa Cirio (Roberto)
Anna Cinanni (Cecilia)
Elsa Oliva (Elsinki)
Tersilla Fenoglio Oppedisano (Trottolina)
Rita Cuniberti Martini (Matilde)
Maria Martini Rustichelli (Iuccia o Sonia)
Lucia Canova (Lucia)
Maria Rovano (Camilla)
Lidia Fontana (Lidia) e Rita Boggio Reinarone

Indice dei nomi

 

 






Anna Maria Bruzzone - Rachele Farina

LA RESISTENZA TACIUTA

editore BOLLATI BORINGHIERI
edizione 2003
pagine 312
formato 15x22
brossura
tempo medio evasione ordine
ESAURITO

28.00 €
28.00 €

ISBN : 88-339-1486-0
EAN :

 
©1999-2022 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Cell +39 3490876581
Spedizioni corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
ebussi50@gmail.com