motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autoriservizio segnalazione novità2014 Promozioni
Alcune proposte

IL BAROCCO
Arte in Piemonte - volume 4




ARTE IN PIEMONTE


Un'occasione imperdibile per conoscere l'arte piemontese dall'età romana al periodo contemporaneo, in un'opera completa, aggiornata e ricchissima di splendide immagini.

La collana Arte in Piemonte costituisce un'inedita ed esaustiva ricognizione del paesaggio artistico ed architettonico sviluppatosi regionalmente dal periodo romano fino all'età contemporanea. I testi curati con la collaborazione di altri esperti da Enrica Pagella - dirigente del Museo Civico d'Arte di Torino - sono una preziosa occasione per esplorare a fondo un panorama culturale sapido e vivace ancorché spesso poco noto, ma proprio per questo ricco di tesori tutti da scoprire. Pagine dal carattere brillantemente divulgativo quanto approfondito, corredate da uno straordinario apparato iconografico appositamente realizzato per un'opera in più volumi che soddisferà tutti gli appassionati del bello.


PUBBLICATI
vol. 1 ANTICHITA' E MEDIOEVO
vol. 2 IL GOTICO
vol. 3 IL RINASCIMENTO
vol. 4 IL BAROCCO
vol. 5 L'OTTOCENTO
vol. 6 IL NOVECENTO

 

INTRODUZIONE


È uno dei più superbi e sontuosi edifici dell’età barocca – la «real chiesa» di Superga – a indicare, anche da lontano, il carattere peculiare che Torino, soprattutto, ma anche l’intero Piemonte, hanno assunto nella loro strutturazione urbanistica, architettonica e decorativa tra la fine del Cinquecento e gli ultimi decenni del Settecento.
È una connotazione artistica e culturale che proprio nelle terre sabaude, più che in altre regioni, ha registrato uniformità di estensione territoriale e un numero straordinario di presenze monumentali di grande valore, tanto da porsi, ancora oggi, quale elemento distintivo della sua immagine complessiva. La basilica di Superga assurge dunque a simbolo e sintesi di una prodigiosa stagione artistica, durata poco meno di due secoli, che poté sviluppare le sue potenzialità grazie al concorso di particolari situazioni istituzionali, politiche, religiose ed economiche. Quando infatti, nel 1715, su una delle alture più elevate del sistema collinare torinese, viene avviata la costruzione dello splendido edificio, può ormai essere considerata conclusa la prima fase del difficile percorso che i Savoia avevano ipotizzato trasferendo la capitale degli Stati sabaudi da Chambéry a Torino. La dinastia ha ottenuto da poco il titolo regale, la nuova capitale al di qua delle Alpi ha assunto un’immagine di grandezza e di potenza quale non aveva mai avuto in passato e Filippo Juvarra l’arricchirà in pochi anni di monumenti che la porteranno al rango delle altre capitali europee. A cominciare, appunto dalla basilica di Superga, ben visibile da gran parte della pianura torinese, edificata ad assolvimento di un voto, anch’essa in qualche modo «residenza Sabauda» perché destinata ad accogliere quale estrema dimora i regnanti sabaudi.
Tuttavia, prima dell’arrivo a Torino di Juvarra – e per alcuni decenni ancora dopo il suo trasferimento a Madrid – Torino e il Piemonte sono stati un grande cantiere aperto, nel quale l’arte barocca ha trovato un’espressione del tutto particolare, in termini qualitativi e quantitativi. È certamente una coincidenza che, proprio a cavallo tra Cinque e Seicento, quando l’arte barocca si diffondeva da Roma in tutta l’Europa, il Piemonte si sia trovato nella situazione di affrontare un profondo rinnovamento e che, dunque, abbia accolto in pieno la nuova corrente artistica. Determinante fu indubbiamente la scelta della dinastia sabauda di trasferire la capitale a Torino, in quegli anni praticamente ancora rinserrata entro il perimetro delle mura romane.
[..]
Dai capolavori architettonici del Guarino Guarini, Filippo Juvarra e Bernardo Vittone, alla maestria pittorica del Moncalvo, del Guala, del Musso; questo volume è una straordinaria panoramica su quanto le diverse arti hanno prodotto in Piemonte tra il '600 e il '700 senza dimenticare le pregevoli realizzazioni degli autori meno noti.

Prosegue il grande impegno editoriale costituito dalla collana Arte in Piemonte, che si prefigge lo scopo di realizzare una ricognizione approfondita ed esauriente sulle varie manifestazioni dell'arte locale dall'impero romano ai primi decenni del Novecento. Anche questi volumi, dedicati agli splendori dell'arte rinascimentale e di quella barocca creano una straordinaria occasione per percorrere itinerari poco noti, alla scoperta di tesori conosciuti e di altri pressoché ignorati, ma proprio per questo ancora più emozionanti.


INDICE


INTRODUZIONE

LA RIPROGETTAZIONE DI TORINO NEL PERIODO
DELLA CONTRORIFORMA

L’urbanistica
Amedeo di Castellamonte e Francesco Lanfranchi
Madama Cristina e il Castello del Valentino
I Sacri Monti
I pittori

IL BAROCCO TRIONFANTE
L’astro di Guarino Guarini
Michelangelo Garove e gli altri architetti «minori»
I pittori e gli scultori
La Cappella dei Mercanti a Torino
Il Theatrum Sabaudiae

FILIPPO JUVARRA E IL SETTECENTO
La capitale di un marchesato in età barocca: Casale Monferrato
La presenza ebraica e la sinagoga di Casale Monferrato
Il genio di Filippo Juvarra
L’architettura di rappresentanza e l’eredità dello Juvarra
I pittori
L’ebanisteria e la scultura, dal trionfo barocco al Neoclassicismo

Bibliografia

Indice dei nomi

Indice dei luoghi

Crediti fotografici


 

Franco Caresio

ARTE IN PIEMONTE - IL BAROCCO

editore PRIULI & VERLUCCA
edizione 2005
pagine 200
formato 23,5x32
cartonato con sovracoperta colori plastificata, inserito in prestigioso cofanetto di fattura manuale
tempo medio evasione ordine
2 giorni

84.50 €
84.5 €

ISBN : 978-88-8068-292-9
EAN : 9788880682929

 

©1999-2017 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com